Giorgio Assumma, il dramma della morte della moglie Maretta Scoca

L’avvocato Giorgio Assumma e la sua vita privata: il dramma della morte della moglie Maretta Scoca, una vita insieme.

(screenshot video)

Si sono conosciuti a fine anni Cinquanta e si sono sposati nel 1960: hanno così trascorso insieme gran parte della loro vita. Poi nel 2018, lei è venuta a mancare. Una storia d’amore d’altri tempi quella tra i due legali Giorgio Assumma e Maretta Scoca. La coppia ha avuto due figlie, ovvero Francesca e Cristina.

LEGGI ANCHE -> Giorgio Assumma, chi è l’avvocato dei vip: carriera e vita privata

Hanno avuto anche una nipote di nome Giorgia. Maretta Scoca è stata a lungo avvocato civilista specializzandosi nel diritto di famiglia e ha anche avuto esperienze politiche. La donna è stata figlia e sorella “d’arte”: suo papà era il politico calitrano Salvatore Scoca; suo fratello il giurista Franco Gaetano Scoca.

LEGGI ANCHE -> Maria De Filippi, la verità sul primo incontro con Maurizio Costanzo: uno choc

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Chi era Maretta Scoca, moglie di Giorgio Assumma

Patrocinante in Cassazione, Maretta Scoca è stato anche un volto davvero noto al grande pubblico televisivo. Infatti, ha partecipato a lungo alla trasmissione televisiva Forum, nelle vesti di giudice. In politica è stata eletta deputata per Forza Italia nel 1994, come indipendente del CCD, quindi due anni dopo è stata rieletta alla Camera nelle liste del CCD-CDU; successivamente aderisce all’UDEUR. In questa veste, è stata sotto i due governi presieduti da Massimo D’Alema prima Sottosegretario al Ministero di grazia e giustizia, quindi in quello per i beni e le attività culturali.

Dal 25 aprile 2000 al 26 febbraio 2001 è stata inoltre Vicepresidente della Commissione permanente Affari Costituzionali della Camera dei deputati. Eletta dal Parlamento come componente laico del consiglio di presidenza della Corte dei Conti, nel febbraio 2001 si è dimessa da deputata. Qualche anno dopo, è stata quindi consigliere d’amministrazione della Consip. Docente in alcuni atenei italiani, a partire dal 2007 ha avviato la sua collaborazione con Forum. Dopo una lunga malattia, si è spenta nel marzo 2018.