Coronavirus 10 dicembre: salgono i casi, quasi 900 morti

Allerta Coronavirus oggi 10 dicembre in Italia: salgono i casi, quasi 900 morti, scende ancora il numero degli attuali positivi.

(ROBIN UTRECHT/ANP/AFP via Getty Images)

Con l’aumentare dei tamponi, salgono anche i casi di nuovi contagi da Coronavirus in Italia, mentre anche oggi diminuisce il numero degli attualmente positivi. 16.999 nuovi casi in Italia e altri 887 morti: ancora una volta il numero dei decessi è preoccupante ed è a livelli alti anche rispetto a quelli della prima ondata.

Leggi –> Terza ondata, gli esperti avvertono: “Ne arriverà una quarta a marzo”

171.586 tamponi effettuati oggi, che significa oltre 50mila in più rispetto a ieri, quando i nuovi casi erano stati 12.756 con 499 morti. Circa 15mila in meno sono gli attualmente positivi, mentre si registra una nuova lieve frenata dei ricoverati in terapia intensiva. Sono infatti 29 in meno rispetto a ieri.

Leggi –> Dpcm Natale, centri commerciali penalizzati: “Aperti solo 17 giorni su 37”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Dati Coronavirus 10 dicembre in Italia: la situazione

(Andrew Harnik-Pool/Getty Images)

Risalgono i numeri in Lombardia: 2.093 nuovi contagi, 172 morti, ma i tamponi effettuati sono stati 10mila in più e anche oggi frenano i ricoveri in terapia intensiva. Il dato più preoccupante anche oggi è quello del Veneto: raddoppiati i tamponi rispetto a ieri, ma si sono anche superati i 4mila contagi con 148 morti. Il numero di morti sale un po’ ovunque, mentre scende sotto il 10% il rapporto tra tamponi positivi e totale dei tamponi effettuati.

Un tampone su 5 risultato positivo in Veneto, ma altrove i dati migliorano rispetto a ieri: in Puglia, ad esempio, ieri si era registrao un positivo ogni tre tamponi, oggi il rapporto si aggira intorno al 12%, per cui uno ogni nove. Restano sotto i 100 nuovi casi giornalieri le seguenti Regioni: Basilicata, Molise e Valle d’Aosta. Sono sopra quota mille invece, oltre a Lombardia e Veneto, Emilia Romagna, Lazio, Sicilia, Campania, Puglia.