Scopre di avere due tumori dopo ricovero per il virus: accade questo

Una donna va in ospedale in quanto positiva dopo un tampone, ma i medici scoprono che ha due tumori. Non c’è tempo da perdere.

tumori operazione
Due tumori dopo un ricovero da tampone positivo FOTO Getty Images

Una tremenda scoperta sconvolge la vita di una donna. Lei è una 74enne, finita in ospedale dopo essere risultata positiva. Ma anziché stare in cura in degenza per via del virus, questa persona dovrà affrontare un duro percorso che la dovrà portare a contrastare ben due tumori. Questa infatti è la pesantissima diagnosi emersa in maniera del tutto inaspettata in seguito a dei controlli clinici.

Leggi anche –> Vaccino Covid, primi effetti collaterali: “Chi ha allergie non lo faccia”

La vicenda giunge da San Donato di Arezzo, in Toscana. L’anziana è stata colpita da dei tumori rispettivamente all’utero ed all’intestino. Già prima di andare in ospedale la donna aveva lamentato dei disturbi fisici che però non sembravano affatto ascrivibili a quelli che sono i sintomi più comuni del virus. Da qui la scelta di condurre un check up approfondito, in seguito al quale è venuta fuori la doppia situazione di malattia grave. E subito dopo hanno fatto seguito altrettanti interventi chirurgici grazie ai quali le masse cancerogene sono state efficacemente rimosse.

Leggi anche –> Terza ondata, Ilaria Capua: “Dicembre e gennaio saranno terribili”

Tumori, la doppia operazione per rimuoverli dura ore

Addirittura la scoperta della malattia all’utero è avvenuta proprio sotto ai ferri, in sala operatoria. I chirurghi e gli anestesisti hanno lavorato in maniera ininterrotta per ben 6 ore. Le varie squadre che si sono alternate hanno rimosso parte del fegato, un pezzo di stomaco, un tratto di intestino, ovaie ed utero. Ciò nonostante, la donna ce l’ha fatta.

Se vuoi conoscere tutte le notizie in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Conte: “Fatti sforzi importanti, da valutare rapporti con la Turchia” – VIDEO

Condurre una operazione di complessità simile è risultata poi ulteriormente più difficile, visto che c’erano da rispettare tutti i protocolli anti virus vigenti. Il che implica delle complicazioni come respirazione più difficoltosa per via delle mascherine e movimenti rallentati dai guanti e dal vestiario protettivo. Attualmente la donna è nel reparto rianimazione ma non corre alcun pericolo.