Arrestato chirurgo: “Interventi inutili e letali su pazienti oncologici”

A Salerno arrestato chirurgo accusato, con un suo collega, di avere operato in modo negligente e futile molti pazienti, alcuni dei quali morti.

Arrestato chirurgo
Salerno arrestato chirurgo Foto dal web

A Salerno arrestato chirurgo a causa di accuse molto gravi mosse nei suoi confronti. Lui è il dottor Carmine Napolitano che dirige il reparto di Unità Funzionale di Chirurgia Generale e Chirurgia Oncologica di una clinica privata. Si tratta della Casa di Cura Tortorella. Le forze dell’ordine hanno provveduto a trarre in manette il professionista mentre un altro omologo, collega di Napolitano, risulta sospeso dall’attività medica.

Leggi anche –> Scopre di avere due tumori dopo ricovero per il virus: accade questo

Entrambi sarebbero responsabili della morte di alcuni loro pazienti sui quali eseguivano degli interventi chirurgici definiti “del tutto inutili e demolitivi”. Tra queste operazioni ve ne figurano alcune compiute su dei pazienti oncologici e la cosa ha messo talmente sotto sforzo il loro sistema immunitario da portarli a morire. Per entrambi i chirurghi l’accusa è di omicidio plurimo colposo. E risultano esserci anche alcune aggravanti, come svariate negligenze nelle fasi che facevano seguito a ciascuna operazione compiuta.

Leggi anche –> Vaccino Covid, primi effetti collaterali: “Chi ha allergie non lo faccia”

Arrestato chirurgo, condotta estremamente nociva ed infedele per lui ed un collega

La Procura di Salerno, in base a quanto emerso dalle indagini condotte dai carabinieri, ha accertato come i due professionisti mancassero di prescrivere qualunque tipo di controllo anche quando i pazienti operati manifestavano delle complicazioni impreviste. L’arresto ed il fermo dei chirurghi in questione fa seguito ad una indagine che andava avanti sin dall’inizio del 2018.

Se vuoi conoscere tutte le notizie in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Terza ondata, Ilaria Capua: “Dicembre e gennaio saranno terribili”

Ai tempi tutto era nato a causa di una segnalazione che aveva portato all’attenzione l’aumento dei casi di pazienti deceduti proprio in concomitanza all’assunzione di questi personaggi. Gli interventi effettuati in sala operatoria risultavano sin da allora ad alto coefficiente di complicanza e del tutto inutili ed inefficaci a fronte delle situazioni di tumore avanzato presenti nei loro pazienti.