Giancarlo Isaia, chi è il professore dell’università di Torino: vita e carriera

Giancarlo Isaia è uno degli esperti che studia il ruolo della Vitamina D sul Covid-19: scopriamo chi è il docente e medico di Torino.

In questi mesi sono state numerosissime le ricerche sul Covid ed i possibili medicinali che ne contrastano gli effetti nocivi sull’organismo. Nello stesso periodo sono anche state fatte delle ricerche riguardanti il ruolo dei raggi uv sulla malattia. Queste, sebbene meritevoli di approfondimenti e necessitanti di conferme, mostrano come i raggi solari possano influire positivamente sulla risposta dell’organismo alla contrazione del virus.

I raggi uv sono quelli che permettono al nostro organismo di produrre vitamina D, motivo per cui c’è chi ritiene che integratori contenenti la vitamina possano aiutare a proteggersi dal virus. Proprio per questo motivo il governo britannico ha distribuito 2 milioni di confezioni di vitamina D a pazienti fragili al fine di contrastare il Covid-19.

Visto l’incremento di acquisti e richieste anche in Italia, il Ministero della Salute ha voluto dare un chiarimento sulla questione: “Non esistono ad oggi evidenze solide e incontrovertibili (ovvero derivanti da studi clinici controllati) di efficacia di supplementi vitaminici e integratori alimentari (ad esempio vitamine, inclusa vitamina D, lattoferrina, quercetina), il cui utilizzo per questa indicazione non è quindi raccomandato”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Chi è Giancarlo Isaia, il professore dell’università di Torino che chiede al governo approfondimenti sulla Vitamina D

La posizione espressa dal Ministero della Salute non trova d’accordo il professor Giancarlo Isaia, docente dell’Università di Torino e co-autore di uno studio che mostra gli effetti della Vitamina D in relazione al Covid-19. Intervistato dalle Iene in merito alla circolare del Ministero, il docente ha spiegato: “La circolare è discutibile perché un nostro nuovo documento riporta nuove evidenze su quanto andiamo dicendo. Chi ha scritto il documento ha accumunato la vitamina D, che è cosa ben diversa, ad altre vitamine e integratori. Le nostre evidenze, che partono dall’inizio del 2020, possono essere discutibili ma meritano almeno un approfondimento”.

Leggi anche ->Vitamina D, che cos’è: perché ne abbiamo bisogno per stare meglio

Il professore Isaia è un medico stimato ed un professore e ricercatore conosciuto in tutta Italia. Laureatosi in Medicina nel 1972, è uno specialista in endocrinologia, Medicina Interna e Medicina Nucleare. Può vantare ad oggi 459 pubblicazioni in extenso nonché la partecipazione a ben 657 congressi nazionali e internazionali. Attualmente è docente della cattedra di Medicina Interna all’università di Torino e direttore del SC Geriatria e Malattie Metaboliche dell’Osso presso l’Azienda ospedaliera Città della Salute e della Scienza di Torino. Giancarlo Isaia è anche vicepresidente nazionale della Società Italiana dell’Osteoporosi, del Metabolismo Minerale e delle Malattie dello Scheletro (SIOMMMS).