Genitori uccidono figlio, neonato di 2 mesi sanguinante con droga in corpo

Lo hanno trovato con del sangue che gli colava dal naso e presentava tracce di oppiacei nel suo corpicino. L’accusa: genitori uccidono figlio.

genitori uccidono neonato
Due genitori uccidono neonato di 60 giorni di vita secondo la polizia Foto dal web

Due genitori uccidono figlio neonato. È questo l’orribile sospetto degli inquirenti che stanno portando avanti una inchiesta su di un piccolo di appena 2 mesi, trovato privo di vita con del sangue che gli colava dal nasino. Sotto accusa ci sono i giovani Michael Madry e Lindsey Johnson, di rispettivamente 29 e 31 anni.

Leggi anche –> Badante uccisa, svolta dopo mesi: “È stato il figlio respinto di una anziana”

Il ritrovamento del corpicino, che aveva anche un gemellino, è avvenuto proprio all’interno della loro abitazione. Proprio loro hanno allertato i soccorsi medici parlando di perdita di sangue dal naso. Purtroppo quando l’ambulanza ha raggiunto casa loro non c’è stato niente da fare. Un primo esame preliminare sul cadavere del bambino morto ha portato all’emergere di una grave situazione di malnutrizione. stessa condizione nella quale versava il gemellino, che però adesso per fortuna ha fatto segnare un importante miglioramento.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Bambini uccisi, pompieri scoprono i corpi decapitati dopo fuga di gas

Genitori uccidono figlio, il piccolo aveva 2 mesi: salvo per poco il gemellino

Quest’ultimo era svenuto quando i paramedici lo hanno ritrovato accanto al fratellino morto. La piccolissima vittima avrebbe perso la vita non solo per non avere ricevuto un sufficiente nutrimento ma anche per uno stato avanzato di ipotermia. Questo ha portato all’arresto immediato per i genitori, che ora devono difendersi da alcuni reati molto gravi.

Leggi anche –> Ragazza uccisa, il patrigno le spara poi si suicida: lei aveva 29 anni

Ci sono per loro le accuse di omicidio e di negligenza, aggravate dal vincolo di parentela stretta e dalla età della sfortunata vittima. Tra l’altro all’interno dell’organismo dei due bimbi si trovavano pure delle tracce di sostanze stupefacenti. Colpa dell’improvvida madre, che nel corso della gravidanza dei mesi scorsi si era concessa un uso abituale di oppiacei.

neonat