Dpcm Natale, polemiche per i divieti di spostamento: cosa può cambiare

Continuano le polemiche legate ai divieti di spostamento contenuti nel Dpcm Natale, in parlamento se ne discute: cosa può cambiare.

Le misure restrittive pensate per il periodo di Natale e contenute nell’apposito Dpcm fanno discutere a quasi una settimana di distanza dall’enunciazione in diretta streaming e televisiva del premier Conte. Il punto che crea maggiori malumori tra i cittadini è quello sugli spostamenti nei giorni di festa. Come ormai tutti saprete, infatti, il 25, il 26 e l’1 gennaio non ci si potrà spostare nemmeno da Comune a Comune.

Si tratta di una misura che penalizza le famiglie che abitano in piccoli comuni. L’Italia è piena di realtà composte da tanti micro comuni da nemmeno 5mila abitanti che compongono la provincia di un grosso centro. Sebbene, dunque, queste persone abitino a pochi chilometri di distanza, sarà per loro vietato potersi incontrare nei giorni di festa, anche solo per una cena tra genitori e figli. Con il coprifuoco alle 22 e il divieto di spostamento nei giorni seguenti, infatti, chi non ha possibilità di ospitare i parenti in casa, dovrà accontentarsi di cenare da solo con chi vive nel proprio nucleo familiare.

Leggi anche ->DPCM Natale: spostamenti e viaggi, cosa si può fare e cosa no

Dpcm Natale, cosa può cambiare prima delle feste

Cenare solo con i conviventi è la forte raccomandazione del governo che, nel caso dei piccoli Comuni, diventa un obbligo. Proprio la discriminazione che si è venuta a creare tra grossi e piccoli centri è ciò che ha generato il malumore di tantissimi italiani, i quali sperano che il divieto possa essere cambiato. Portavoce delle istanze di milioni di italiani si è fatto il governatore Piemontese Cirio, con una leggera inviata al Premier in cui si legge:

“Come sai, Presidente, il Piemonte è una regione in cui la presenza di comuni di piccole dimensioni demografiche rappresenta la stragrande maggioranza dei municipi, sono 1.046 infatti i Comuni nei quali la popolazione è al di sotto dei 5.000 abitanti. Comprenderai quindi quanto sia grande il sentimento di scoramento di moltissimi cittadini”.

Leggi anche ->Dpcm Natale, il Viminale pensa all’esercito per fare rispettare i divieti

In Parlamento si parla della possibilità di modificare il divieto dai Comuni alle Province, un’ipotesi, però, che si scontra con la ferrea opposizione del ministro dei Trasporti e di quello della Sanità. Per quanto riguarda il ricongiungimento con il partner che vive in un’altra Regione o in altro Comune, il ricongiungimento è possibile nel primo caso prima del 20 dicembre, nel secondo caso entro il 24 dicembre o dopo Natale e Santo Stefano.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI