Malattia misteriosa colpisce l’India: centinaia di contagiati, nessuno sa le cause

Una malattia misteriosa ha colpito alcune regioni dell’India. I contagiati sono centinaia, ma nessuno ha una spiegazione. 

Il misterioso malessere ha colpito le zone dell’Eluru (Andhra Pradesh) . Sfortunatamente, questo territorio era già stato duramente colpito dall’epidemia di Covid.

Il suo record negativo aveva registrato ben 800mila casi di infezioni da Covid-19. Ad oggi si aggiungono anche gli oltre 200 pazienti affetti da questa malattia.

Malattia misteriosa in India: i casi sono centinaia

Il Ministro della Salute, Alla Kali Krishna Srinivas, ha riferito che coloro che soffrono di questa malattia sono risultati negativi al Covid. Se sembra non esserci alcuna correlazione con la pandemia che sta affliggendo il mondo, il mistero continua ad infittirsi. Sembra però che i più colpiti siano i bambini: bruciore agli occhi, vomito, svenimenti e convulsioni sono i sintomi principali.

Leggi anche -> Vitamina D, che cos’è: perché ne abbiamo bisogno per stare meglio

Tutti stanno lavorando per trovare una soluzione e il Primo Ministro Jaganmohan Reddy ha anche dichiarato che diversi specialisti si stanno recando a Eluru per contribuire alle indagini. Per il momento sette persone sono state dimesse, ma altre 157 sono ancora in ospedale. La nota positiva sembra essere che tra gli oltre 220 casi, ci sarebbe solo una vittima.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il Primo Ministro Reddy è molto vicino alla popolazione e ha anche fatto visita ai malati e alle loro famiglie. I medici hanno prelevato diversi campioni di sangue da questi pazienti, ma non ci sono tracce evidenti di infezioni virali.

Leggi anche -> Donna soffre di malattia misteriosa da 10 anni: vomita ogni volta che mangia

“Dopo che  gli ufficiali hanno visitato l’area in cui le persone si sono sentite male,  abbiamo escluso dalle cause la contaminazione dell’acqua e l’inquinamento dell’aria“, ha annunciato il Ministro della Salute. Sembra proprio che si tratti di un mistero, ma molti continuano a  puntare il dito contro la contaminazione dell’acqua.