Gmail, cambia la policy: “Contenuti eliminati in questi casi”

Da Google arriva la comunicazione di cambiamenti dei quali tenere conto per quano riguarda Gmail ed i servizi Google Drive e Google Foto.

Gmail Google Drive
Cambiamenti di policy per Gmail Google Drive Foto dal web

Arrivano dei cambiamenti importanti per quanto riguarda Gmail. Per gli utenti che usufruiscono dei diffusissimi servizi Google Drive e Google Foto si andrà incontro a delle novità. Un apposito avviso sta comparendo in queste ore a tantissimi in merito all’entrata in vigore delle variazioni comunicate, a partire dal prossimo 1° giugno 2021.

Leggi anche –> 14enne si auto-diagnostica il cancro dopo una ricerca su Google

Viene comunicata la cancellazione automatica dei contenuti all’interno di Gmail, Drive e Foto per i profili inattivi da più di 2 anni. Lo stesso avviene per gli utenti che supereranno la capienza massima indicata, sempre in un periodo di 2 anni. Superare il limite di tale capienza può avvenire per il mancato acquisto di ulteriore spazio di archiviazione. Comunque sia, i primi effetti di queste novità introdotte si vedranno solamente a partire dalla metà del 2023.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Uomo scopre il tradimento della moglie tramite Google Maps

Gmail, gli utenti riceveranno degli avvisi preventivi

E comunque i soggetti che rischiano il taglio di contenuti per uno dei motivi indicati potranno porre rimedio attraverso apposite comunicazioni ricevute via mail. Google Drive include anche i servizi legati a Documenti, Fogli, Presentazioni, Disegni e Moduli Google oltre che i file di Jamboard e Sites. Tre mesi prima della perdita dei dati arriverà il messaggio di avviso via e-mail. Inoltre sarà possibile anche recuperare gli account a rischio inattività. Se un individuo risulta inattivo solo su Foto ma non ad esempio su Drive, i servizi Gmail cancellati riguarderanno solo il primo servizio.

Leggi anche –> Vede il padre su Google Maps, ma è morto da sette anni

Leggi anche –> E-mail truffa a nome di PayPal, ecco come riconoscerla