Stefano D’Orazio, lo scempio dopo la morte del suocero: non doveva andare così

Ad un mese dalla morte di Stefano D’Orazio, Tiziana Giardoni ha perso anche il padre a causa del Covid. Per l’uomo è stata una morte disumana.

Per Tiziana Giardoni questo non è affatto un mese facile. Ha perso ad inizio novembre il marito Stefano D’Orazio, ex batterista dei Pooh e ora il padre, Mauro. Entrambi hanno contratto il Coronavirus, che ne ha causato la morte.

Per Tiziana Giardoni è stata una situazione straziante, in quanto non ha neanche potuto dare un ultimo saluto alle persone che amava di più. Non al marito di 72 anni e neanche al padre, un ex fisico nucleare, di 75 anni. La donna, appena cinquantenne, ha deciso di rilasciare un’intervista per commentare come la sua vita sia stata stravolta: “Insieme a tanta disperazione c’è anche tanta rabbia. Non è accettabile non potere dare l’ultimo saluto ai propri cari. È disumano. Non mi hanno consentito di vedere mio marito e mio padre. Mia madre, che è stata 60 anni con mio padre, sta impazzendo. Pur di vederli, con le dovute precauzioni, mi sarei bardata come i medici e gli infermieri“, ha raccontato la donna.

LEGGI ANCHE -> Stefano D’Orazio, un altro lutto per la moglie Tiziana: morto anche il padre

LEGGI ANCHE -> Roby Facchinetti rivela le ultime parole di Stefano D’Orazio

Tiziana Giardoni e il funerale straziante del padre

A causa del Coronavirus, la donna non ha potuto salutare il marito e compagno di tanti anni Stefano D’Orazio e neanche il padre Mauro: “Al funerale la bara è arrivata sigillata. Quindi abbiamo dovuto fidarci che ci fosse mio padre? E se non ci fosse stato? Se non ci fosse stato Stefano in quella bara? Non è stato possibile vederli e vestirli neanche all’agenzia funebre“.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

Tiziana Giardoni ha rivelato che il padre era stato ricoverato il giorno primo della scomparsa di Stefano D’Orazio e non era mai stato avvisato della morte del genero, in quanto è stato intubato il secondo giorno e i suoi familiari non sono più riusciti a parlargli. La donna ha raccontato di essere assalita dai pensieri, di dormire malissimo, in quanto cerca di trovare una ragione a quello che è successo, senza riuscirci. “Il maledetto virus mi ha portato via i miei due grandi amori“, ha raccontato con sofferenza la donna. In questi giorni, ha voluto precisare, è sempre rimasta in contatto con gli altri membri dei Pooh e la loro vicinanza le è stata di grande aiuto e conforto.