Iva Zanicchi: chi è il fratello Antonio, morto di Coronavirus

Il dramma di Iva Zanicchi: chi è il fratello Antonio, morto di Coronavirus nelle scorse settimane, le sue apparizioni in tv.

(screenshot video)

Nelle scorse settimane, Iva Zanicchi ha annunciato sui social network la morte di suo fratello Antonio, pensionato Eni di 77 anni. L’uomo aveva contratto il Coronavirus e proprio come la cantante era stato ricoverato nei giorni scorsi. Anche il nosocomio in cui i due si erano trovati a essere ricoverati era lo stesso, ovvero quello di Vimercate.

LEGGI ANCHE -> Iva Zanicchi, dramma: morto il fratello positivo al Coronavirus

Cardiopatico, l’uomo – figlio di Zefiro ed Elsa Raffaelli – si è aggravato a causa di una polmonite bilaterale causata dall’infezione da Covid. La sorella gli aveva dato l’addio: “Ti ho amato come un figlio”. Un rapporto davvero importante quello tra la cantante e suo fratello, che era sempre stato lontano dai riflettori televisivi.

LEGGI ANCHE -> Iva Zanicchi, il fratello morto di Covid: “Colpito in maniera devastante”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Antonio Zanicchi, al fianco della sorella Iva in televisione

Ma in ogni caso Antonio Zanicchi non aveva mai fatto mancare il suo appoggio alla sorella Iva. Uniti nel dolore dopo la morte della madre, l’aveva supportata anche nella sua esperienza politica da europarlamentare. Di tanto in tanto, i due erano però apparsi insieme in qualche ospitata televisiva. L’uomo era apparso ad esempio a Domenica Live e aveva fatto una sorpresa alla sorella cantando il brano Mamma mia dammi cento lire.

Iva Zanicchi dopo avergli detto tristemente addio, ha voluto raccontare il suo dramma. In un’intervista concessa al settimanale Di Più Tv, ha sottolineato: “Antonio è stato colpito dal Coronavirus in modo devastante. Il virus ha preso i polmoni in modo devastante, in maniera più violenta rispetto a me. Si è diffuso velocemente e gli ha messo in crisi tutti gli organi. Poi lui era cardiopatico e questa sua condizione un po’ traballante non lo ha aiutato a reagire, a migliorare. Ha vissuto una brutta agonia”.