Pandemia causa dell’apocalisse, la previsione scientifica già nel 2013

Di possibile pandemia si parlava già nel 2013. Alcuni studiosi avevano parlato di questa possibili, ma vediamo perché.

L’apocalisse e la fine del mondo sono temi molto ricorrenti nella storia dell’umanità. In vari periodi storici molte persone si sono chieste quando e come sarebbe finito il mondo.

Tra profezie di manoscritti e civiltà antiche, troviamo anche alcune teorie scientifiche. Una di queste, recente e molto autorevole, ha parlato di ben 12 cause che potrebbero comportare la fine del mondo e incredibilmente al primo posto c’era proprio una pandemia globale.

Pandemia: se ne parlava già nel 2013, ma si sono ignorati i segnali

Nel 2013, il CSER, cioè il Centre for the Study of Existential Risk ha avvertito la popolazione mondiale dei maggiori rischi per l’umanità.  Questa associazione conta tra i suoi membri personalità illustri come Stephen Hawking, Jared Diamond e Robert May. Il CSER aveva messo in luce ben 9 criticità che avrebbero potuto portare all’estinzione dell’uomo. Il numero aumenta vertiginosamente se si guarda a quella proposta dal Future of Humanity Institute dell’Università di  Oxford e del Global Challenges Foundation. Anche in questo caso si voglio evidenziare i i pericoli che potrebbero causare un’estinzione di massa.

Leggi anche -> Famiglia rinchiusa in cantina da 9 anni: “Aspettiamo la fine del mondo”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

In questi 12 punti si parla delle criticità più disparate. Partendo dal basso troviamo: conseguenze sconosciute, il collasso del sistema globale, cattiva governance locale, guerra nucleare, nanotecnologie, collasso ecologico, impatto di un asteroide, biologia sintetica, cambiamento climatico estremo, intelligenza artificiale e supervulcano. Il primo della lista è la pandemia.

Leggi anche -> Questa pandemia non sarà l’ultima: Dacia Maraini ha capito il perché

Leggi anche -> 5 meraviglie naturali da vedere prima della “Fine del Mondo”

Se pensiamo alla situazione attuale capiamo che i loro avvertimenti erano più che fondati. Ad oggi abbiamo ampiamente superato il milione di morti e i contagi da Covid-19 continuano a salire, mentre i governi cercano disperatamente un vaccino. Ai tempi dello studio, la preoccupazione maggior era l’Ebola, ma possiamo dire che il concetto è lo stesso. I virus e i batteri si evolvono e mettono a dura prova le nostre cure. Nonostante gli sviluppi della medicina, le malattie e le pandemie rimangono il pericolo più grande per gli esseri umani.