Morto padre Cipriano De Meo, il frate esorcista di San Severo

Lutto nella Chiesa: morto padre Cipriano De Meo, il frate esorcista di San Severo, aveva 96 anni e fu benedetto da Padre Pio.

(Facebook)

Un grave lutto ha colpito la chiesa in queste ore: a San Severo, in provincia di Foggia, è scomparso l’esorcista frate Cipriano De Meo. Il padre cappuccino aveva compiuto 96 anni a gennaio ed è venuto a mancare in mattinata presso l’ospedale di San Giovanni Rotondo. Dal 1952 il frate aveva mansioni di esorcista, come raccontato da egli stesso.

Leggi anche –> Coronavirus, focolaio dopo il pellegrinaggio a San Pio: muore anziano

Infatti, il 7 dicembre 1952 padre Cipriano De Meo si trovava presso il convento di Montefusco, in provincia di Avellino, e sentì bussare al portone. Era un prete da appena tre anni si trovò di fronte tre persone, due uomini e una donna. Lui, ancora molto giovane, chiede chi fossero e la donna rispose di chiamarsi “diavolo”. Lui replicò: “Piacere padre Cipriano”.

Leggi anche –> Stefano D’Orazio, un altro lutto per la moglie Tiziana: morto anche il padre

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

Chi era Padre Cipriano De Meo: i messaggi di cordoglio

Dopo quanto avvenuto, padre Cipriano decise di chiedere consulto a padre Pio, il quale pare che gli abbia risposto: “Tengo tanti diavoli attorno io. Ai tuoi pensaci tu. Io, comunque pregherò per te perché tu non ti stanchi”. Da quel momento in poi, come se quella del frate di Pietrelcina fosse stata quasi una benedizione, il padre cappuccino prese a dedicarsi agli esorcismi. I casi che lo coinvolsero vennero trattati e risolti nel convento dei Cappuccini di San Severo, Serrano di Serra, dove ha operato per mezzo secolo.

In tanti in queste ore portano il proprio messaggio di cordoglio al convento dei frati in cui per tutti questi anni ha vissuto padre Cipriano De Meo, descritto da tutti come “Professore di vita” e “una figura carismatica, un indiscusso uomo di Dio”. Giulia D’Onofrio, testimone diretta dei suoi esorcismi, sottolinea: “Una giornata di grande dolore, per me e per la mia famiglia. Una figura straordinaria, con cui ho avuto l’onore di interagire in diverse occasioni, avendo assistito, in prima persona, ai suoi esorcismi, individuali e collettivi”.