Davide Faraone: chi è il senatore di Italia Viva

Davide Faraone è attualmente senatore e fa parte del gruppo Italia Viva. Cosa sappiamo di più sul politico siciliano?

Davide Faraone è un giovane senatore e attualmente capogruppo al senato di Italia Viva, il partito fondato dall’ex Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi.

Leggi anche–> Tony Iwobi, chi è il senatore leghista criticato per la sua posizione sull’immigrazione

Ha iniziato la sua attività politica nella Sinistra Giovanile che militava nelle zone periferiche e difficili della sua città, Palermo. Scopriamo di più sul 45enne siciliano.

Davide Faraone, carriera e vita privata

Faraone è nato a Palermo, il 19 luglio del 1975 e ha iniziato la sua carriera politica proprio nella sua città, infatti, nel 2000 è stato eletto segretario cittadino dei Democratici di Sinistra. Nello stesso anno si è iscritto alla facoltà di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Palermo, laureandosi sedici anni dopo.

Leggi anche–> Sergio De Gregorio arrestato: l’ex senatore indagato per estorsione

Ha aderito inizialmente ai DS, per poi confluire al Partito Democratico nel 2007, in cui rimane fino al passaggio ad Italia Viva di Matteo Renzi nel 2019, diventando capogruppo del partito in Senato.

Leggi anche–> Ugo Grassi: chi è il senatore campano M5S passato alla Lega

Oltre alla politica, Faraone si è anche sempre impegnato nel sociale: in un’intervista al Corriere della Sera, il senatore ha infatti raccontato per la prima volta di essere papà di una bambina autistica, ad oggi sedicenne, e di voler diventare un punto di riferimento per le famiglie che si trovano nella stessa situazione. Infatti, nel 2015, è diventato Presidente della FIA (Fondazione Italia Autismo), un’associazione che si occupa di informazione su questo disturbo, di politiche sociali e di assistenza alle famiglie. Sull’argomento Faraone ha anche pubblicato un libro “Con gli occhi di Sara. Un padre, una figlia e l’autismo“, edito da Rubbettino e ha dichiarato: “Ho scoperto la bellezza di avere una figlia così. Perché mi aiuta a guardare il mondo con i suoi occhi. Nel mio ‘prima di Sara’ c’era un uomo con una sensibilità meno spinta