Coronavirus 3 dicembre: mai così tanti morti in un giorno

Allerta Coronavirus in Italia, oggi 3 dicembre, quasi mille decessi: mai così tanti morti in un giorno, battuto record 27 marzo.

(KENZO TRIBOUILLARD/AFP via Getty Images)

Mentre si discute dell’opportunità di aprire i confini regionali in vista del Natale, ipotesi scongiurata dal governo nel nuovo DPCM, restano alti i numeri del contagio in Italia. In particolare, preoccupa il numero dei decessi: mai così alto come quello registrato nelle ultime 24 ore. Infatti sono stati 993 i morti.

Leggi anche –> Quando parla Conte, conferenza stampa del premier per il nuovo Dpcm

Il numero più alto finora era stato registrato il 27 marzo, quando i decessi erano stati 919. I contagi odierni sono in tutto 23.225 con 226.729 tamponi totali. Ieri si erano registrati 20.709 nuovi contagi, 684 morti, ma soprattutto 38.740 guariti, per cui anche un deciso calo degli attualmente positivi. Erano calate in maniera importante anche le terapie intensive.

Leggi anche –> Vaccino Coronavirus, dallo Spallanzani: “Chi è guarito non ne ha bisogno”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI 

Dati Coronavirus in Italia oggi 3 dicembre: la situazione

(TIZIANA FABI/AFP via Getty Images)

Tra le Regioni che mostrano un’impennata di contagi, forse la più preoccupante, c’è il Veneto, con 3.581 nuovi contagi e 95 morti, a fronte di un aumento di tamponi. Dati stabili in diverse altre Regioni, come Lazio, Puglia, Abruzzo e Umbria. Lieve incremento di nuovi contagi nelle Marche. Dati in calo, ma con molti meno tamponi effettuati, sia in Basilicata che in Molise. In quest’ultima Regioni non si sarebbero registrati decessi.

Aumentano anche in maniera importante i nuovi contagi in Emilia-Romagna, mentre sono 3.751 nuovi contagi, 347 morti in Lombardia, che conserva un triste e drammatico primato. In tutto, sono 19 i ricoveri in meno in terapia intensiva, nelle ultime ore. Calano anche gli attualmente positivi, sebbene non in maniera netta come nelle 24 ore precedenti: sono poco più di un migliaio in meno i malati in cura.