Covid, nonno di 79 anni ha un cancro ma non può operarsi

L’uomo, di 79 anni, ha visto la sua operazione salva-vita positicipata a causa del Covid e ora ha un cancro grosso “come una pallina da golf”.

Un nonno di 79 anni che lamentava sintomi particolari ha ricevuto la diagnosi di un cancro al fegato, tra le forme più gravi di tumore maligno e avrebbe dovuto sottoporsi ad un intervento chirurgico salva-vita.

Leggi anche–> Per paura del Covid non controlla nodulo, 19enne scopre cancro al quarto stadio

Ma a causa dell’epidemia di Covid, è stato tutto rimandato e il tumore cresce sempre di più.

Il Covid che uccide i pazienti malati di cancro

Ron Sayle, questo il nome del nonno e bisnonno di 79 anni da Frodsham, nel CheshireRegno Unito che adesso ha un cancro al fegato della dimensione di una pallina da golf.

L’uomo aveva inizio ad accusare un improvvisa ed eccessiva stanchezza che gli impediva di svolgere le azioni quotidiani. Allora i controlli dal dottore, gli esami e infine la diagnosi: un tumore maligno al fegato. Ron avrebbe dovuto sottoporsi ad un intervento chirurgico che gli avrebbe dovuto salvare la vita il 25 settembre, prima che la seconda ondata di Covid si abbattesse sull’Europa e non solo.

Leggi anche–> Ragazza con sindrome di Down guarita da cancro: morta di Coronavirus

Tuttavia, come riportato dal Liverpool Echo, i medici hanno dovuto posticipare l’operazione di Ron, come quella di tanti altri pazienti oncologici, a causa della seconda ondata di Coronavirus. La pandemia, tornata alla carica in tutto il mondo, ha causato un sovraffollamento degli ospedali e non c’era più disponibilità di letti in terapia intensiva. Così Ron ha dovuto aspettare e rimandare, perché subito dopo la delicata operazione avrebbe avuto bisogno di una notte nel reparto di terapia intensiva.

Leggi anche–> Finge di avere il cancro, con i soldi raccolti paga il gioco d’azzardo

Ma per fortuna, qualche mese dopo Ron ha ottenuto la sua operazione salvavita con un esito positivo e adesso è in forma e in salute. “Sono a casa a guarire ed è il regalo di compleanno più bello che avrei potuto chiedere!” ha detto Ron. Tuttavia, ha anche aggiunto: “Se tutti facessero piccole cose come lavarsi le mani, portare la mascherina quando serve e mantenere la distanza, si potrebbe sperare di tornare come prima molto presto”.

cancro