Coronavirus USA: il primo caso già a metà dicembre 2019

Il primo caso di Coronavirus negli USA sarebbe stato identificato già a metà dicembre 2019, settimane prima del primo ufficiale.

(U.S. Navy via Getty Images)

Una novità importante sulla diffusione del Coronavirus emerge dagli USA: il primo caso di Covid-19 dovrebbe essere stato diffuso probabilmente negli Stati Uniti già a metà dicembre 2019. Lo afferma un rapporto degli scienziati del CDC, diffuso proprio in queste ore. La notizia viene riportata dal Wall Street Journal.

Leggi anche –> Dpcm Natale, via il 4 dicembre: tutta Italia gialla ma restano le limitazioni

Una nuova analisi delle donazioni di sangue rileva che il virus era presente sulla costa occidentale prima di quanto si credesse, stando a quanto afferma il rapporto citato da uno dei più noti quotidiani USA. Sarebbero state trovate prove di infezioni in 106 delle 7.389 donazioni di sangue raccolte dalla Croce Rossa americana in nove stati Usa.

Leggi anche –> Contagi oggi, Crisanti: “600 morti al giorno e in Italia parliamo di sciare”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

I primi casi di Coronavirus negli USA: a quando risalgono

(John Moore/Getty Images)

Tutto questo in un periodo compreso dal 13 dicembre al 17 gennaio. Ovvero nel mese antecedente al primo caso che venne diagnosticato a Wuhan e che poi lanciò l’allarme su scala globale. In parole povere, il nuovo Coronavirus noto come Covid-19 o col nome scientifico SARS-CoV-2 ha infettato decine di persone negli Stati Uniti a metà dicembre 2019. Cioè poche settimane prima che fosse ufficialmente identificato in Cina.

Un mese dopo questi primi casi, identificati solo ora e che quindi potrebbero essere anche diverse centinaia o migliaia, le autorità sanitarie pubbliche trovarono il primo caso degli Stati Uniti, secondo uno studio governativo pubblicato nella giornata di ieri. I risultati rafforzano in modo significativo le prove che suggeriscono che il virus si stava diffondendo in tutto il mondo ben prima che le autorità sanitarie pubbliche e i ricercatori se ne rendessero conto.