Attentato Treviri, primo bilancio: 4 morti e 15 feriti

Tra le vittime dell’auto lanciata contro i pedoni a Treviri cʼè anche un bimbo di 9 mesi. Lʼuomo arrestato è “probabilmente un folle”. 

E’ di 4 morti e 15 feriti (di cui almeno 4 molto gravi) il bilancio dell’attentato di Treviri, in Germania, dove un’auto ha investito un gruppo di persone in un’area pedonale di Treviri. A riferirlo è il ministro dell’Interno Roger Lewenz. La Polizia ha intanto sequestrato la vettura e arrestato il conducente, un 51enne tedesco, che ha ucciso una giovane donna di 25 anni, un uomo di 45 e una donna di 60, tutti di Treviri, oltre a un bimbo di appena nove mesi.

Leggi anche –> Germania, auto sulla folla a Treviri: “Ci sono vittime” – VIDEO

Leggi anche –> Auto sulla folla alla stazione di Berlino, voleva uccidere tutti: bilancio gravissimo

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Gli investigatori al lavoro dopo la strage di Treviri

Come accennato, quattro feriti sono in condizioni molto gravi, 5 in condizioni serie, 6 lievemente ferite e ci sono decine di persone traumatizzate. Un testimone ha raccontato di aver visto l’auto sfrecciare ad alta velocità travolgendo i pedoni nell’area adibita tradizionalmente ai mercatini di Natale (quest’anno cancellati causa Covid).

Il 51enne che ha investito la folla, alcolizzato ma senza precedenti penali e proveniente dalla regione, deve rispondere dell’accusa di omicidio e lesioni aggravate e sarà sottoposto a una perizia psichiatrica, ha fatto sapere il capo della Procura locale in conferenza stampa, precisando che “non abbiamo alcun indizio per pensare a un motivo politico, terroristico o religioso”, ha affermato. “È il giorno più nero per Treviri dalla seconda guerra mondiale” ha dichiarato il sindaco della città Wolfram Leibe. “Quello che è successo a Treviri è un fatto scioccante” gli ha fatto eco su Twitter Steffen Seibert, portavoce della cancelliera tedesca Angela Merkel. Le indagini vanno avanti.

EDS