Chi è Guido Longo nuovo commissario alla Sanità della Calabria

Sciolto dopo lunghe vicissitudini il nodo riguardante il commissario alla Sanità della Calabria: scelto il prefetto Guido Longo.

(screenshot video)

Sarà il prefetto Guido Longo il nuovo commissario alla Sanità della Calabria: sciolto dunque il nodo dopo una trattativa lunga e diverse rinunce. Le vicissitudini legate alla scelta del nome sono state molte di fatto la trattativa si è trasformata quasi in una soap opera, con diverse puntate e colpi di scena.

Leggi anche–> Vaccino anti-covid obbligatorio per volare con Qantas

Il nome del prefetto Guido Longo emerge nel corso di un Consiglio dei ministri, che si è svolto in maniera lampo. Già nel pomeriggio si era parlato del prefetto, dopo l’ultima bocciatura di Agostino Miozzo, coordinatore del Cts, che aveva chiesto superpoteri al governo, respinti dall’esecutivo.

Leggi anche–> Covid, i vaccinati trasmettono il virus lo stesso? Parla Burioni

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

Guido Longo: cosa sapere sul nuovo commissario Sanità in Calabria

(FILIPPO MONTEFORTE/AFP via Getty Images)

Già prefetto di Vibo Valentia, andato in pensione nel 2017 dopo circa un anno nel capoluogo di provincia calabrese, Guido Nicolò Longo, prefetto a riposo, in estate era stato nominato commissario straordinario da delibera sullo scioglimento del Consiglio comunale di Partinico, da parte del Consiglio dei ministri. In passato è stato questore di Caserta, Reggio Calabria e Palermo. Di fatto è un “superpoliziotto” che in precedenza ha lavorato come dirigente di Squadra mobile, Dia e Servizio centrale.

Attualmente è in pensione, ma nel corso degli anni ha avuto ruoli importanti anche in operazioni antimafia. Il suo nome è legato anche alla cattura di pericolosi latitanti e in Calabria lo conoscono bene perché ha già lavoro sul territorio. Su Twitter, il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, lo ha descritto come “un uomo delle istituzioni, che ha già operato in Calabria, sempre a difesa della legalità”.