Bevono gel igienizzante per le mani, morte sette persone

In Russia sette persone hanno bevuto il gel igienizzante per le mani, tanto utilizzato ultimamente a causa del Coronavirus, quando hanno finito l’alcol.

In Russia, nella regione di Yakutia, giovedì sera delle persone hanno organizzato una festa a base di alcol. Quando però gli alcolici sono finiti, hanno avuto un’idea creativa per rimpiazzarli, seppur tremendamente pericolosa.

LEGGI ANCHE -> Attentato Russia | soldato apre il fuoco in struttura militare | 3 morti

LEGGI ANCHE -> Indiscrezione dalla Russia: Putin abbandona, ha il Parkinson

Nel villaggio di Tomtor sette persone sono morte e due sono in coma dopo aver bevuto il gel igienizzante per le mani, utilizzato moltissimo ultimamente a causa dell’emergenza sanitaria di Coronavirus. In nove persone hanno scelto di bere il gel a base di antisettico quando l’alcol che avevano comprato per la festa è finito. Le prime tre vittime sono una donna di 41 anni e due uomini di 27 e 59 anni. Altri 6 sono stati trasportati in ospedale dal personale medico dell’elisoccorso nella capitale della regione Yakutsk.

LEGGI ANCHE -> Russia: centinaia di animali morti sulle rive del mare

I pericoli del gel igienizzante in Russia

Nella giornata di ieri altri tre uomini sono morti, di anni 28, 32 e 69. Un’ultima morte è stata riportata oggi. Il dipartimento della sanità ne ha dato la notizia: “Sono stati registrati nove casi di avvelenamento da disinfettante, di questi sette sono stati fatali“. Il procuratore regionale dello Stato ha annunciato che l’avvelenamento è il risultato di aver bevuto il gel igienizzante.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

I festaioli hanno bevuto il gel igienizzante, composto al 69% da metanolo, che è stato venduto ampiamente da quando si è diffusa la pandemia da Coronavirus. Le autorità locali hanno avvertito i cittadini di non bere questi antisettici fatti in casa ed hanno annunciato l’apertura di un caso criminale contro coloro che lo farà, in quanto sta esponendo sé stesso e gli altri che lo circondano di fronte a gravi pericoli.