Alessia Ciarrocchi, chi è la ricercatrice ospite di Propaganda Live

Carriera e curiosità su Alessia Ciarrocchi, chi è la ricercatrice ospite di Propaganda Live: cosa sapere su di lei.

(screenshot video)

Momenti di divertimento, uniti a inchieste e riflessioni: questa la formula vincente della trasmissione Propaganda Live, condotta da Diego Bianchi in arte Zoro, in onda ogni venerdì sera su La7. Tra i protagonisti della puntata in onda questa sera c’è Alessia Ciarrocchi, esperta internazionale di biotecnologie molecolari e nominata recentemente Presidente della Fondazione E35.

Leggi anche –> Fabio Celenza, chi è lo Youtuber e doppiatore di Propaganda Live

Classe 1975, laureata con lode in Biotecnologie molecolari e industriali all’Università di Bologna nel 1999, è una ricercatrice italiana molto apprezzata anche all’estero. Si occupa in particolare di patologie oncologiche. Sempre a Bologna ha ottenuto il Dottorato di Ricerca in Biologia e Fisiologia cellulare e successivamente la Laurea Magistrale in Biotecnologie molecolari ed Industriali.

Leggi anche –> Andrea Pennacchi, chi è il Pojana: film, carriera, Propaganda Live

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Cosa sapere sulla ricercatrice italiana Alessia Ciarrocchi

Subito dopo aver completato la propria formazione canonica, ha ottenuto una Borsa di studio all’American-Italian Cancer Foundation Research, quindi ha realizzato un progetto di ricerca presso il Memorial Sloan Kettering Cancer Center di New York. Successivamente torna in Italia, presso l’Arcispedale S.Maria Nuova-IRCCS, ove oggi lavora tuttora ed è dirigente biologo, in qualità di coordinatrice della Struttura complessa di Ricerca traslazionale. Il suo team conta 18 membri fra ricercatori, tecnici e studenti.

Decine sono le pubblicazioni che vanta già nel curriculum: infatti è autrice o coautrice di 64 pubblicazioni scientifiche. Lo scorso anno è stata insignita del premio ‘Le Reggiane per Esempio’. La motivazione del premio è legata sia alla divulgazione scientifica che al continuo coinvolgimento dei giovani nelle attività di ricerca alle quali ha preso parte. I suoi studi si concentrano sul genoma delle cellule neoplastiche, allo scopo di individuare l’aggressività di alcune neoplasie, oltre che identificare nuovi farmaci per alcune varianti rare di tumori.