Vaccino Covid | l’Italia sceglie quello Pfizer Biontech | ‘lo avremo a gennaio’

Sulla situazione vaccino Covid si registra il piano studiato dall’Italia in vista di una prossima distribuzione. Tutti i dettagli.

vaccino covid Italia distribuzione
News distribuzione vaccino Covid Italia Foto dal web

Il vaccino Covid sta per essere messo a punto da più parti. Sono tre le aziende in particolare che si contendono il primato per la sua realizzazione. Si tratta di AstraZeneca con la collaborazione dell’Università di Oxford, del consorzio composto da Pfizer e Biontech e da Moderna. Tutte loro hanno annunciato che i loro progetti arrivano ad un tasso di efficacia molto prossimo al 100%.

Leggi anche –> Vaccino Oxford | con AstraZeneca efficacia del 99% e niente complicazioni

Questo lascia presagire che nella prima parte del 2021 il mondo potrà avere un vaccino Covid efficace e che avrà il compito di domare la pandemia in corso in tutto il mondo. Addirittura c’è fiducia sul fatto che un ritrovato possa essere disponibile già per la fine del prossimo mese di gennaio. Per quanto riguarda l’Italia, il commissario straordinario per la gestione della crisi, Domenico Arcuri, ha stilato un piano che prevede la distribuzione del vaccino Covid anzitutto a determinate categorie. Ad essere premuniti saranno i lavoratori del settore medico-ospedaliero – quindi medici ed infermieri – i membri delle forze dell’ordine e gli anziani. Di questo piano hanno preso già visione il Ministero della Salute e le Regioni.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

Leggi anche –> Vaccino Pfizer Biontech | la risposta a Moderna | ‘Efficace al 95%’ | FOTO

Vaccino Covid, il piano previsto da Arcuri per l’Italia

Viene anche specificato che il vaccino Covid verrà distribuito a tutti in un secondo momento nei drive-in, che in queste settimane sono adibite a luogo dove potere svolgere i tamponi. Prima però verrà concesso alle categorie con priorità in centri mobili ed in ospedali. Inoltre ai primi posti nella distribuzione ci saranno le zone rosse, dove il contagio è più marcato. Occorrerà lavorare per potere garantire una distribuzione veloce, specialmente nelle prime settimane. Per fare ciò sarà necessario che i centri preposti si dotino anche di specifiche apparecchiature. Il vaccino Pfizer-Biontech, del quale l’Italia ha prenotato circa 3,4 milioni di dosi, richiede una temperatura di conservazione molto bassa. Cosa che può essere garantita solo da speciali congelatori, capaci di garantire i -75° richiesti. Gli altri vaccini invece possono restare in stato di conservazione a temperature di poco inferiori agli 0° (vaccino Moderna) od anche a temperatura ambiente (vaccino Oxford AstraZeneca).

Leggi anche –> Piano vaccini di Arcuri: 3,4 milioni di dosi a gennaio, prima agli ospedali