Covid, Olga e Vincenzo muoiono lo stesso giorno dopo 63 anni di matrimonio

Olga e Vincenzo una coppia di sposi che da poco aveva festeggiato i 63 anni di matrimonio è morta a causa del covid domenica.

Tra le tante storie di dolore e sofferenza causate dal Covid, nelle scorse ore è emersa quella di Olga e Vincenzo, due sposi deceduti domenica al San Gerardo di Monza. I due si erano sposati 63 anni fa, un traguardo raggiunto e festeggiato solamente lo scorso 26 settembre, ed avevano passato l’intera vita insieme. In questo anno disgraziato avevano deciso di non correre rischi, stavano sempre in casa. L’unico che di tanto in tanto usciva era Vincenzo, per fare la spesa.

Leggi anche ->Lombardia, Fontana: “In zona rossa fino al 27 novembre”

Nonostante le precauzioni, Vincenzo ha contratto il Covid-19 e poco dopo anche la sua Olga. I primi sintomi sono apparsi il primo di novembre, avevano la febbre alta e la tosse. Il medico di famiglia, però, riteneva si trattasse di semplice influenza e gli ha prescritto i farmaci per curarla in casa. La diagnosi, però, non era corretta, Olga e Vincenzo avevano contratto il covid e l’11 novembre il loro livello di ossigenazione del sangue era critico. I familiari, dunque, hanno chiamato il 112 ed un’ambulanza li ha portati entrambi in ospedale.

Leggi anche ->Miozzo avverte: “Il problema resta nella trasmissione dei dati”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Olga e Vincenzo muoiono lo stesso giorno, dopo 63 anni passati insieme

La storia d’amore di questa coppia era di quelle di altri tempi. I due non si separavano mai, facevano ogni cosa insieme. Sono stati costretti a separarsi proprio durante il ricovero all’ospedale brianzolo. Tutti speravano che dopo quella difficile esperienza sarebbero potuti tornare a casa, ma le loro condizioni di salute si sono deteriorate in fretta e domenica, dopo soli 4 giorni di ricovero, sono deceduti entrambi ad un’ora di distanza l’uno dall’altra. Olga aveva 83 anni e Vincenzo 82, li ricorda così la nipote Katia: “Porterò con me il ricordo della nonna, pugliese, mentre preparava a mano le orecchiette e il nonno accanto a lei che le prendeva una ad una per aiutarla”.