Paola Menozzi, chi era l’insegnante castellese morta improvvisamente

Paola Menozzi, insegnante di 52 anni di Quattro Castella, è deceduta improvvisamente di sera, nel suo appartamento.

La comunità di Quattro Castella si è risvegliata ieri mattina con una tragica notizia: Paola Menozzi, insegnante di matematica e scienze della scuola secondaria di primo grado ‘Balletti‘ è deceduta improvvisamente. A darne notizia alla scuola è stata la famiglia della docente e a confermarla alla stampa sono stati proprio i dirigenti scolastici. Una scomparsa che lascia tutta la cittadinanza castellese sconvolta. Qui Paola era molto conosciuta e stimata, non solo per il suo lavoro ma anche per la disponibilità mostrata da sempre a fare volontariato.

Leggi anche ->Lockdown, il professor Galli: “Se non calano i contagi, chiusura obbligata”

Bravissima nelle discipline scientifiche, Paola Menozzi era un’appassionata di letteratura. Passava gran parte del suo tempo a leggere, sia a casa che nella biblioteca comunale in cui era ormai una presenza fissa. L’altra sua grande passione era quella per la musica classica e la musica in generale. Passione che aveva trasmesso anche alla figlia adolescente Francesca, clarinettista dell’orchestra giovanile di Quattro Castella in cui la madre lavorava come volontaria.

Leggi anche ->Chiusura scuole, Azzolina agli studenti: “Non pagherete il prezzo più alto”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Morte Paola Menozzi, le parole di cordoglio del sindaco

Rendono particolarmente bene l’idea di quanto fosse stimata Paola nel comune di appartenenza, le parole che ha pronunciato il sindaco di Quattro Castella per ricordarla. Ecco cos’ha detto il primo cittadino Alberto Olmi: “L’amministrazione si stringe ai famigliari, esprimendo loro le condoglianze di tutta la comunità. Paola era stimata non solo per la sua professione di insegnante, ma anche per le tante attività di volontariato, tra cui quella di lettrice nella nostra biblioteca comunale. Quando leggeva, Paola sapeva conquistare tutti, in particolare i bambini, con la sua dolcezza e il suo sorriso contagioso. Una persona generosa, sempre pronta a dare il suo contributo”.