“Mi sento bene”, nel giro di 24 ore 52enne muore di Coronavirus

Un uomo che lavorava per B&M ha detto alla sua famiglia che si sentiva meglio, il giorno dopo essere risultato positivo al test per il coronavirus, ma è morto il giorno dopo.

 

Carl Handley, 52 anni, è morto a Ysbyty Glan Clwyd, in Galles, il 25 ottobre. Aveva mostrato i sintomi del coronavirus e si era autoisolato, ma è stato ricoverato in ospedale perché da venerdì aveva difficoltà a respirare. Sabato è risultato positivo al test per il virus, ma ha detto ai suoi parenti che si sentiva meglio, come riferisce North Wales Live. La sua famiglia è rimasta scioccata e con il cuore spezzato quando, solo un giorno dopo, la domenica, hanno ricevuto la notizia che Carl era morto dopo aver subito un attacco di cuore mentre era attaccato al respiratore. I parenti di Carl, con il cuore spezzato, hanno ammesso che l’uomo gli “mancherà moltissimo” e che hanno “perso un grande pezzo di cuore”. La famiglia adesso sta incoraggiando altre persone a seguire le regole messe in atto per frenare la diffusione di Covid-19. Tutto il Galles è attualmente in “firebreak”, un lockdown che è iniziato il 23 ottobre e durerà fino al 9 novembre. Le persone possono lasciare le loro case solo per motivi limitati e devono lavorare da casa dove possibile. Tutte le imprese dedicate al tempo libero e al turismo sono chiuse, così come i centri comunitari, le biblioteche e i centri di riciclaggio. I luoghi di culto restano aperti solo per i funerali e le cerimonie nuziali.

Potrebbe interessarti leggere anche –> Paga per entrare nella gabbia di un leopardo: uomo brutalmente aggredito

52enne muore di Coronavirus, il giorno prima aveva detto di stare meglio

La nipote Katie Williams ha raccontato: “Mio zio è stato ricoverato in ospedale il venerdì, ma si era messo in contatto per dire che si sentiva meglio, quindi è stato uno shock enorme scoprire che era morto. Stiamo esortando la gente a capire che queste restrizioni sono in atto per un motivo, e che non avere un po’ di normalità per un po’ di tempo è molto più facile che perdere una persona cara. Si può rimanere in contatto con gli amici su Facebook e si possono sempre prenotare di nuovo le vacanze, ma non si possono sostituire i propri cari”. Rendendo omaggio a Carl, che solo due anni fa ha ricevuto un rene da suo nipote Craig Parkinson, durante un’operazione che gli ha salvato la vita, Katie ha aggiunto: “Era un uomo molto bello, dedicato alla famiglia, divertente, che trovava il tempo per chiunque ed era appassionato di musica rock”. I suoi amici hanno descritto l’operaio della B&M come un “gigante gentile”. Un altro amico ha scritto sui social media: “RIP Carl, eri una persona così straordinaria e unica. Ci mancherai, ma non sarai mai dimenticato”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!