Terrore a Lione: spari contro un prete, aggressore in fuga

Ancora terrore a Lione: spari contro un prete di una chiesa ortodossa, aggressore in fuga, non è ancora chiaro il movente.

(screenshot video)

Un uomo è stato ferito da proiettili questo sabato pomeriggio a Lione: l’agguato a pochi giorni da quanto accaduto alla stazione della città francese qualche giorno fa. Una donna aveva infatti minacciato il 22 ottobre scorso di farsi esplodere davanti a tutti. In Francia, peraltro, la situazione in questi giorni è davvero di altissima tensione.

Leggi anche: Lione, incubo terrorismo: donna minaccia la strage

Appena qualche giorno fa, in particolare, un uomo armato di un grosso coltello ha ucciso tre persone nella basilica di Notre-Dame di Nizza. Una delle vittime del killer, che ha agito con una ferocia inaudita, è stata addirittura decapitata. L’eco delle polemiche per quanto accaduto era giunto fino in Italia, poiché l’attentatore sarebbe sbarcato da poco tempo a Lampedusa.

Leggi anche: Attentato Nizza: il killer della cattedrale sbarcato a Lampedusa

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Agguato e terrore a Lione: spari contro un prete, chi è l’aggressore

(VALERY HACHE/AFP via Getty Images)

Oggi il nuovo episodio a Lione, terza città di Francia dopo Parigi e Marsiglia: i servizi di emergenza e la polizia sono intervenuti intorno alle 16 in rue Saint-Lazare nel 7° arrondissement, vicino a Place Jean-Macé. La vittima è stata soccorsa e curata dal Samu. Cosciente, sarebbe stata colpita all’addome. L’uomo armato, un uomo sulla quarantina, è in fuga. Presumibilmente ha usato la sua arma due volte sul suo bersaglio.

Stando a quanto si apprende, gli eventi si sono svolti intorno al civico 20 della strada, davanti a una chiesa greco-ortodossa. La vittima è proprio un prete. Non è ancora noto se sia stato preso di mira per la sua funzione di sacerdote o meno. Sull’accaduto stanno indagando ora le forze dell’ordine locali. L’uomo colpito – a quanto si apprende – sarebbe comunque fuori pericolo.