Una mutazione del virus dietro alla seconda ondata di Covid19: la verità

Alcuni esperti avrebbero dato la colpa di questa seconda ondata di Covid19 che sta colpendo l’Europa, ad una mutazione del virus generata in Spagna.

vaccino Covid oggi Brasile
vaccino Covid oggi Brasile l’annuncio a sorpresa Foto dal web

Gli esperti si stanno interrogando sulla probabile origine di questa nuova seconda e distruttiva ondata di Covid19, che sta colpendo l’Europa questo autunno.

Leggi anche–>

Secondo alcuni scienziati, la colpevole sarebbe una mutazione del virus originario che viene dalla Spagna.

Virus mutato diffuso per colpa dei vacanzieri

20A.EU1: questo il nome della mutazione che esperti e scienziati da tutto il mondo stanno studiando, per capire se sia effettivamente dietro alla seconda ondata di Corona virus che sta colpendo soprattutto l’Europa, ma non solo.

Leggi anche–> Covid, Galli: “Il lockdown ci sarà, faremo come in Francia”

Ogni virus ha una sua firma genetica, per cui è possibile risalire al luogo in cui sono stati generati. Gli esperti hanno ricondotto questa nuova mutazione al nord della Spagna nel periodo di inizio giugno. Pertanto sono convinti che il virus sia stato poi diffuso in Europa e in tutto il mondo a causa degli spostamenti massivi per per la vacanze estive.

I vacanzieri, tornando a casa in autunno, hanno così diffuso il virus ovunque. E’ stato stabilito dagli esperti come questa nuova forma di virus sia dietro all’80% dei nuovi casi registrati in Spagna e nel Regno Unito e al 40% in Francia, di recente entrata in lockdown.

Leggi anche–> Covid, la Francia entra in lockdown per limitare i contagi

Come è normale che i virus mutino e esistono già molte versioni del SARS-CoV-2, il virus che ha generato il Covid19, è anche vero che nella maggior parte dei casi non vengono diffusi con successo e non costituiscono un pericolo. Tuttavia, il massiccio spostamento di persone dovuto al periodo estivo, potrebbe aver causato una diffusione imprevista.

Leggi anche–> Covid, primario Sacco: “Ospedali al collasso, così si torna a morire”

Chi ha condotto questi studi ha sottolineato così l’importanza fondamentale dei controlli alle frontiere e per quanto riguarda gli spostamenti da una stato all’altro, in quanto una maggiore attenzione all’inizio del periodo estivo avrebbe forse rallentato e mitigato l’arrivo di questa seconda terribile ondata. 

virus