Coronavirus, Italia verso scenario 4: cosa sta accadendo

Emergenza Coronavirus, i nuovi dati del monitoraggio dell’ISS confermano che l’Italia va verso lo scenario 4: cosa sta accadendo.

(MIGUEL MEDINA/AFP via Getty Images)

L’Italia starebbe entrando nel cosiddetto scenario 4 dell’emergenza Coronavirus: lo ha appena spiegato il presidente dell’Istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro. Si tratta – sottolinea – di una situazione in evoluzione, ma che comunque “complessivamente e diffusamente molto grave sul territorio nazionale con criticità evidenti in numerose Regioni”.

Leggi anche: Scenario 4, che cos’è: lockdown e altre misure restrittive

Gli esperti dell’Iss rammentano: “11 regioni e Province autonome sono da considerare a rischio elevato di una trasmissione non controllata e 8 sono classificate a rischio moderato con probabilità elevata di progredire a rischio alto nel prossimo mese”. Ci sono peraltro alcune Regioni italiane dove lo scenario 4 potrebbe essere già realtà.

Leggi anche: Coronavirus, allerta dagli ospedali: “Tsunami inatteso”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Ipotesi scenario 4 per l’Italia: le ultime notizie non confortanti

Nel report settimanale redatto dall’Istituto Superiore di Sanità si rammenta tra l’altro: “Sono necessarie misure che favoriscano una drastica riduzione delle interazioni fisiche tra le persone e che possano alleggerire la pressione sui sistemi sanitari, comprese restrizioni di attività non essenziali e restrizioni della mobilità nonché l’attuazione della altre misure previste”. Insomma, la situazione si aggrava e si paventano ipotesi davvero dure se la curva non dovesse appiattirsi.

Per l’Italia dunque parte un conto alla rovescia che diventa spiegato: secondo alcune fonti di informazione, le prossime tre settimane saranno decisive per capire se sarà davvero necessario un lockdown totale, la misura più drastica e più temuta, ormai non solo economicamente. L’ISS per questo invita le Regioni a “considerare un tempestivo innalzamento delle misure di mitigazione nelle aree maggiormente affette in base al livello di rischio e sulla base delle linee di indirizzo”.