Massimo Galli: chi è, foto, carriera e vita privata dell’infettivologo

L’italia ha imparato a conoscere Massimo Galli dopo lo scoppio dell’epidemia di Covid19. Tutte le informazioni su carriera e vita privata dell’infettivologo.

galli
Prof. Massimo Galli answers questions during an interview with the Associated Press, at the Sacco hospital, in Milan, Italy, Thursday, Oct. 15, 2020. (AP Photo/Luca Bruno)

Massimo Galli è nato a Milano l’11 luglio 1951 e fin da quando era bambino ha nutrito una passione per lo studio e la ricerca, soprattutto nell’ambito delle materie scientifiche. L’interessa diventa concreto quando si iscrive alla facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Milano e si laurea nel 1976, con risultati eccezionali. Inizia presto a lavorare all’Ospedale Sacco di Milano, dove rimane per gran parte della sua carriera.

Leggi anche–> Massimo Galli | ‘Risultati del Dpcm solo a fine novembre | state a casa’

La lotta di Galli alle malattie infettive

Quando, negli anni 80 l’Italia era sotto la terribile morsa dell’HIV, Massimo Galli si è distinto nella ricerca e la cura di questa malattia, un tempo ad altissimo tasso di mortalità e contagio. L’infettivologo, infatti, oltre ad aver pubblicato diversi testi scientifici sul virus dell’HIV, è stato messo a capo di un gruppo di ricerca che si è focalizzato sulla prevenzione della malattia, soprattutto nelle scuole. Oltre a questo si è anche naturalmente occupato dell’assistenza ai malati.

Leggi anche–> Coronavirus, il professor Massimo Galli: “A Milano situazione fuori controllo”

Gli italiani hanno imparato a conoscere il volto e il nome di Massimo Galli proprio quest’anno, dopo il diffondersi dell’epidemia di Covid19 che ha colpito il nostro paese e non solo. L’infettivologo ha infatti partecipato a numerose trasmissione televisive e si è sottoposto a diverse interviste per trattare il tema del virus.

Leggi anche–> Massimo Galli, affondo sulla scuola: “Così il Coronavirus non si sconfigge”

Per quanto riguarda la vita privata, di Massimo Galli non si sa praticamente niente, al di là delle ospitate televisive, non è di certo un uomo di spettacolo. Finché  il medico sarà totalmente assente da qualsiasi social network, non si potrà sapere molto di più sulla sua vita, oltre il camice.