Nuove chiusure prima del 9 novembre, lockdown dipende dalle terapie intensive

Tutto sarà più chiaro a partire dai prossimi giorni per quanto riguarda la soglia delle terapie intensive: possibile lockdown 

Dpcm Conte misure lockdown

 

Gli effetti dell’ultimo Dpcm, messo in atto dal premier Giuseppe Conte nei giorni scorsi, saranno visibili soltanto tra qualche settimana. Serve, però, tanta responsabilità da parte degli italiani per quanto riguarda il rispetto del distanziamento per ridurre i contatti e possibili contagi, come svelato anche dal capo del Cts, Agostino Miozzo, ai microfoni de “Il Corriere della Sera“. Nelle ultime ore Francia e Germania hanno così optato per le chiusure di bar e ristorante, ma con scuole aperte. L’Italia non potrà aspettare il 9 novembre: potrebbe essere già tardi come svelato da “La Repubblica”. Gli esperti pensano che ci sarà un picco ad inizio novembre.

Leggi anche: Coronavirus: quasi 25mila nuovi contagi in Italia, 205 morti

Leggi anche: Il premier Conte frena su un nuovo lockdown: “Basta danni all’economia”

Coronavirus, lockdown: la soglia delle terapie intensive

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il timore è che in pochi giorni si possa arrivare a 30mila casi al giorno ad inizio del prossimo mese. E così, come riportato da Il Messaggero, nell’ultima riunione di maggioranza si è fissato un tetto massimo di 35mila contagi al giorno come soglia per un possibile lockdown. Inoltre, c’è sempre da valutare quella dei 2500 ricoveri in terapia intensiva come tetto massimo: al momento sono a circa 1.500. Ogni giorno è sempre delicato da monitorare con estrema cura per capire l’andamento dell’aumento dei contagi e di quelle delle terapie intensive.