Ristoratori in protesta | esercente apre alle 18 | ‘Spiace ma devo’ VIDEO

Uno dei tanti ristoratori protesta in questi giorni mostrando un filmato in cui apre il suo locale proprio all’ora di chiusura, e spiega perché.

ristoratori protesta
Dpcm ristoratori protesta Foto dal web

Il Dpcm recente emesso dal Governo per mettere in atto delle misure stringenti ma purtroppo necessarie viene accettato con estrema riluttanza da alcuni ristoratori, con la protesta che è all’ordine del giorno. C’è chi ha organizzato dei veri e propri pranzi alle 05:00 del mattino e chi ha preparato sempre in ore antelucane cappuccino con tanto di pizza.

LEGGI ANCHE –> Il premier Conte frena su un nuovo lockdown: “Basta danni all’economia”

Matteo Salvini pubblica sui propri spazi social il filmato realizzato da un gestore che, in totale trasgressione di quella che è la regola che impone la chiusura alle 18:00 per il pubblico, consentendo il solo asporto, riprende sé stesso nell’atto di aprire il proprio ristorante proprio alle sei del pomeriggio. “Mi dispiace dovere fare così, so che è una violazione delle norme ma non ho altra scelta”, afferma il ristoratore. “Questo è chiaramente un atto di protesta per quello che ci stanno facendo senza alcun criterio né rispetto della libertà e dei cittadini. Ci hanno fatto adeguare, ci hanno fatto pagare le imposte, noi l’abbiamo fatto. Tutti i ristoratori in Italia hanno rispettato le regole. Non si conosce un caso di cluster sorto ai nostri tavoli (ma contagi di singoli ce ne sono stati, n.d.r.)”, dice l’esercente.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Burioni sferza Cristiano Ronaldo: “Benvenuto in squadra”

Ristoratori protesta, la disobbedienza civile di un esercente: “Misure ingiuste”

Il messaggio prosegue. “Non possiamo pagare noi per delle scelte scellerate e senza logica. Non so se i clienti verranno. Ma non è importante, non è questo il modo di affrontare il Covid. La malattia esiste e la stiamo combattendo, ma non può ricadere tutto sui ristoratori se in questi mesi non è stato fatto nulla. Siamo il motore dell’Italia ed il motore del Paese non si può spegnere. Lo stesso vale per i teatri, i cinema. La cultura non può essere fermata così”.

LEGGI ANCHE –> Puglia scuole chiuse | Emiliano | ‘Hanno fatto aumentare i contagi’

Salvini pronto ad attaccare il governo, ma viene contestato a sua volta

Proprio Salvini poi è stato ferocemente contestato a sua volta a Roma in giornata nel corso di una manifestazione indetta da numerosi ristoratori. E sui social lui e Giorgia Meloni vengono accusati solo di sfruttare il malcontento verso il Governo che è consapevole di avere preso scelte impopolari ma necessarie, dati i numeri estremamente preoccupanti del contagio. Ad ogni modo Conte si è preso la responsabilità di annunciare che i ristoratori riceveranno aiuti cospicui già da novembre.

LEGGI ANCHE –> Decreto Ristori, Conte: “Gli italiani per bene non possono condividere le violenze”