Coronavirus: morto Pino Scaccia, reporter e inviato Rai

Grave lutto nel mondo del giornalismo italiano, a causa del Coronavirus: morto Pino Scaccia, reporter e inviato Rai.

(screenshot video)

Una grave tragedia sconvolge il giornalismo televisivo italiano: si è infatti spento a 74 anni uno dei più noti inviati Rai in zone di guerra, Pino Scaccia. Aveva 74 anni e sarebbe deceduto per le conseguenze dell’infezione da Coronavirus che aveva contratto.

Leggi anche: Coronavirus, Mentana: “Lockdown inevitabile, non nascondiamo la verità”

Il direttivo dell’Usigrai, sindacato dei giornalisti Rai, con una nota piange “un cronista di razza. Un inviato che ha dato lustro al Tg1, alla Rai, interpretando nella professione i valori del Servizio Pubblico”. Da qualche tempo era ricoverato al San Camillo di Roma e la sua salute si sarebbe aggravata.

Leggi anche: Grande Fratello Vip, Selvaggia Roma ha il Coronavirus: ora la conferma

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Chi era Pino Scaccia: il reporter ucciso dal Coronavirus

Pino Scaccia, inviato di punta della Rai, è stato il volto di tanti avvenimenti a cavallo della disgregazione dell’ex Unione Sovietica e della ex Jugoslavia, seguendo i conflitti nei Balcani e in Afghanistan, la prima e la seconda crisi del Golfo, la guerra e il dopoguerra in Iraq. Tra i suoi ultimi ruoli, quello di inviato Rai nella crisi libica.

Ma in anni precedenti, Pino Scaccia è stato un simbolo per i reporter di guerra di tutto il mondo: è stato ad esempio il primo occidentale a fare ingresso a Chernobyl e colui che tra i giornalisti occidentali per primo vide i resti di Che Guevara, ucciso in Bolivia nel 1967, quando il reporter era poco più che ventenne. In Italia, si è occupato a lungo di mafia e terrorismo, di terremoti e altre catastrofi ambientali. Decine sono i suoi saggi e reportage pubblicati negli anni. L’ultimo lo aveva pubblicato proprio quest’anno e si intitolava “Un inverno mai così freddo come nel 1943”.