Vaccino Covid | Irbm di Pomezia | ‘Prime dosi in Italia a Natale’

Un vaccino Covid arriverà in Italia a Natale, secondo le previsioni del laboratorio Irbm di Pomezia che collabora con AstraZeneca ed Oxford.

Vaccino Covid Natale
Il vaccino Covid arriverà in Italia entro Natale per Irbm FOTO Getty Images

Le ricerche sul vaccino Covid vanno avanti e fino ad oggi lo studio che sembra mostrare i maggiori progressi è quello che vede gli sforzi congiunti di AstraZeneca con l’Università di Oxford, in Inghilterra. Assieme agli studiosi britannici collabora anche la Irbm con sede a Pomezia, in provincia di Roma.

LEGGI ANCHE –> Ilaria Capua | ‘Trump ottimista | per il vaccino necessari tempo e soldi’

E che negli scorsi mesi aveva rilasciato dei proclami alquanto ottimistici. Da quanto fatto sapere da AstraZeneca, azienda biofarmaceutica tra le più importanti nell’ambito della ricerca scientifica, il vaccino Covid attualmente in fase di sviluppo avanzato starebbe mostrando dei risultati molto promettenti in particolar modo su soggetti anziani, che continuano ad essere la categoria più a rischio. Quest’ultimi infatti sembrano sviluppare una importante risposta immunitaria. Quel che accadrebbe infatti sarebbe un processo di attivazione degli anticorpi protettivi nel loro organismo, che risulta essere più efficace.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, marito e moglie medici muoiono nel giro di una settimana

Vaccino Covid, la Irbm di Pomezia è fiduciosa: “Prime dosi a Natale”

Il vaccino Covid sarà distribuito in Italia proprio dalla Irbm, ed il suo presidente, Piero Di Lorenzo, fa sapere che se tutto andrà come pianificato, già per Natale potrebbero essere disponibili le prime dosi. Con un carico iniziale di 2 o 3 milioni di dosi. “Poi entro giugno del 2021 chiunque voglia vaccinarsi in Italia avrà la facoltà di farlo”. Propositi che invece una parte degli esponenti della comunità medica e scientifica giudica come fin troppo ottimistici. Ad ogni modo il mondo intero si sta sforzando nel tentativo di trovare una cura efficace contro il Coronavirus, che ha flagellato il mondo intero nel corso del 2020. Il vaccino all’inizio vedrà comunque alcune categorie privilegiate rispetto ad altre. La precedenza verrà data agli anziani, ai lavoratori del settore sanitario ed alle forze dell’ordine. E poi a chi vive nelle zone dove il Covid 19 mostra una intensità più elevata

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, nuovo studio: “Ecco cosa succede al cuore degli atleti”