Ilaria Capua | ‘Trump ottimista | per il vaccino necessari tempo e soldi’

Per la virologa Ilaria Capua ottenere un vaccino contro il Coronavirus sarà un processo lento. “Trump ha fatto troppi proclami di ottimismo”.

Ilaria Capua Coronavirus Trump
Parla la virologa Ilaria Capua sulla situazione Coronavirs e su Trump Foto dal web

In una intervista concessa al Corriere della Sera, Ilaria Capua dalla sua residenza statunitense di Gainsville, in Florida, parla della situazione Coronavirus Italia e mondiale. Da quelle parti tiene banco non solo la epidemia sempre più fuori controllo ma anche il dibattito relativo alle ormai imminenti elezioni presidenziali USA 2020.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, marito e moglie medici muoiono nel giro di una settimana

A Donald Trump, che concorre con i Repubblicani per un secondo mandato, è contrapposto lo sfidante democratico Joe Biden. “Qui in Florida è territorio trumpiano, lui ha tenuto un comizio qualche giorno fa in cui nessuno indossava la mascherina”, fa sapere Ilaria Capua, che lavora per l’Università della Florida. La virologa ci fa sapere che Trump aveva promesso l’arrivo del vaccino proprio entro le elezioni, con il consulente medico della Casa Bianca, che a sua volta ha annunciato che “entro dicembre sapremo se il vaccino sarà efficace”. Se pure fosse, sottolinea la Capua, non ci saranno comunque abbastanza dosi per tutti. Verranno privilegiate presumibilmente determinate categorie, come gli anziani, gli operatori sanitari e le forze dell’ordine.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, nuovo studio: “Ecco cosa succede al cuore degli atleti”

Ilaria Capua: “Il vaccino all’inizio scarseggerà e sarà per pochi”

Purtroppo però il momento di crisi impedisce di lavorare normalmente in molti settori, anche quello medico. E la Capua fa l’esempio del vaccino antinfluenzale. “Lo sappiamo preparare ma non si trova. E per quanto riguarda quello anti Covid 19, anzitutto non c’è, poi non sappiamo se i primi modelli avranno efficacia e se addirittura potrebbero volercene più di una dose a persona. Poi alcune aziende produttrici hanno dei limiti nella realizzazione, possono arrivare al massimo ad un certo valore di copertura. Da qui anche la preoccupazione in merito al fatto che le dosi all’inizio scarseggeranno.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus: identificate 5 varianti in Italia, cosa significa

“Trump curato con un trattamento non da tutti”

Fino ad allora, Ilaria Capua consiglia di rispettare il distanziamento sociale. Cosa fondamentale perché il contagio in atto rallenti. Ci sono i crismi affinché diventi come un nuovo raffreddore, fra qualche anno. Ma fino ad allora è necessario rallentarne il circolo e fare attuare un processo di lenta immunizzazione. Per quanto riguarda Trump, quest’ultimo ha avuto il Coronavirus ma è guarito in tempi brevissimi. “Gli hanno somministrato una cura potentissima, con antivirali, cortisone, monoclonali ed anche una terapia di sostegno. Grazie al Regeneron poi sarà protetto almeno fino a gennaio. Una cosa che non è concessa a tutti. Lui dice che presto avremo una cura, ma la verità è che ci vogliono ancora tempo e tanti, tantissimi soldi”.

LEGGI ANCHE –> Serve un lockdown totale con chiusura delle scuole: l’appello di Ricciardi