Coronavirus, marito e moglie medici muoiono nel giro di una settimana

Il Coronavirus non si arresta in Italia e nel resto del mondo. Il dramma: due dottori, marito e moglie, sono morti nel giro di una settimana

Dottori Coronavirus

L’emergenza per Coronavirus è tornata a farsi sempre più aggressiva dopo un’estate tutto sommato più tranquilla. E così la situazione non è delle migliori da diverse settimane con numerose tragedie avvenute negli ultimi giorni, come quelle di Gustavo Salemme e della moglie Adriana Cheble, entrambi dottori che sono morti nel giro di una settimana dopo essersi contagiati in ospedale. I due, rispettivamente 67 e 62 anni, sono originari di Cordoba (Argentina) ed erano sposati da 40 anni e con tre figli: l’uomo non ce l’ha fatta il nove ottobre, mentre Adriana il 16. L’annuncio è arrivato dal figlio maggiore, Matias, che ha svelato ai microfoni del portale Infobae: “Non vivevo più con i miei. La mia famiglia si era improvvisamente divisa. Mio fratello minore viveva con loro ed è risultato positivo. Mia sorella, che è incinta, non ha più visto i miei dopo aver saputo della loro positività”.

Leggi anche –> Coronavirus, nuovo studio: “Ecco cosa succede al cuore degli atleti”

Leggi anche –> Coronavirus: identificate 5 varianti in Italia, cosa significa

Coronavirus, l’appello del figlio dei due medici

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Successivamente lo stesso ragazzo ha voluto scrivere un messaggio sul suo profilo Instagram: “Al di là di quello che uno possa credere su questa pandemia, la quarantena, il governo, le restrizioni e le misure, l’unica cosa reale e concreta è che il virus esiste e può uccidere. Se non prendiamo coscienza di questo e non iniziamo a comportarci con responsabilità sociale, difficilmente ne usciremo”. Infine, Matias ha concluso: “Tutti devono capire che bastano pochi giorni per perdere una persona cara. I miei sono morti a una settimana di distanza. So che, ovunque siano, mi daranno la forza per andare avanti e sono felice che siano insieme”.