Coronavirus, appello di Ricciardi: “Lockdown per Napoli e Milano”

Emergenza Coronavirus in Italia, appello del professor Walter Ricciardi: “Lockdown per Napoli e Milano”.

(screenshot video9

Appello per dei lockdown mirati che riguardino alcune grandi città: a farlo ancora una volta è Walter Ricciardi, ordinario di Igiene all’Università Cattolica e consigliere del ministro della Salute, Roberto Speranza. Secondo il noto medico, “a Milano e Napoli uno può prendere il Covid entrando al bar, al ristorante, prendendo l’autobus”.

Leggi anche: Coronavirus, marito e moglie medici muoiono nel giro di una settimana

Quindi insiste: “Stare a contatto stretto con un positivo è facilissimo perché il virus circola tantissimo. In queste aree il lockdown è necessario, in altre aree del Paese no”. Il suo ragionamento è chiaro: siamo in presenza “di migliaia di soggetti asintomatici che tornano a casa, dove non si indossa la mascherina, ci si bacia e ci si abbraccia”.

Leggi anche: Coronavirus, Giorgio Palù: “Il lockdown potrebbe fare più morti del Covid19”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Cosa ha detto Walter Ricciardi: perché serve lockdown per Napoli e Milano

Il professor Walter Ricciardi è netto nel suo giudizio: “Ci sono delle aree del Paese dove la trasmissione è esponenziale e le ultime restrizioni adottate, che possono essere efficaci nel resto del territorio, in quelle zone non bastano a fermare il contagio”. Non sconfessa in ogni caso del tutto tesi come quelle dell’ex premier, Matteo Renzi, secondo il quale la chiusura di cinema e teatri è un provvedimento inutile, che porta anzi danni: “Se sei a Milano è un luogo dove te lo puoi prendere anche al cinema. In altre città la situazione non è la stessa”.

Conclude il suo ragionamento: “A Milano e Napoli è impensabile qualsiasi attività che prevede l’avvicinarsi di persone negli spazi chiusi”. Da parte di Walter Ricciardi, una riflessione che è anche un appello: “Tutti i Paesi che hanno politicizzato la pandemia hanno fatto una brutta fine, come gli Stati Uniti dove hanno avuto più morti che nelle recenti guerre. La politicizzazione di un virus è la cosa più pericolosa che ci sia, bisogna essere uniti per combattere insieme”.