Serve un lockdown totale con chiusura delle scuole: l’appello di Ricciardi

Walter Ricciardi, consulente del ministero della Salute per l’emergenza Coronavirus, ha spiegato cosa occorre fare per ridurre l’indice di contagio del 24%. 

Ricciardi

Per ridurre l’indice di contagio del 24% “è necessario un lockdown”. Parola di Walter Ricciardi, consulente del ministero della Salute per l’emergenza Coronavirus, che aggiunge; “Un’altra riduzione del 15% si avrebbe con la chiusura delle scuole, un altro 13% con lo smart working generalizzato nel pubblico e nel privato e un 7% con interventi sul trasporto pubblico”. Secondo il noto accademico, l’insieme delle misure elencate “sarebbe efficace in otto giorni”.

Leggi anche –> Coronavirus, scene folli al Just Cavalli di Milano: balli e niente mascherine

Leggi anche –> Coronavirus, nuovo studio: “Ecco cosa succede al cuore degli atleti”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Coronavirus Italia terapie intensive

La ricetta di Walter Ricciardi contro il Coronavirus

Le attuali restrizioni secondo Walter Ricciardi non bastano per dare il colpo di grazia al nemico Coronavirus. “La via da seguire – ha detto l’esperto – è quella delineata da una ricerca dell’Università di Edimburgo, pubblicata su Lancet la scorsa settimana: è necessario un altro lockdown”. Il professore ordinario di Igiene all’Università Cattolica del Sacro Cuore e consigliere del ministro della Salute è intervenuto oggi al webinar “Oltre l’emergenza” che si è svolto oggi in modalità virtuale a Veronafiere, lanciando un severo monito, ma anche qualche segnale di speranza.

“Se abbiniamo gli strumenti tecnologici che abbiamo a misure precauzionali, forse riusciremo ad adottare lockdown più mirati e non passare un inverno così drammatico, ma la situazione è questa – ha continuato Ricciardi -. C’è molta frustrazione tra noi consiglieri ma dobbiamo incalzare positivamente chi prende decisioni importanti”. E ancora: “Sono momento drammatici ovunque ma come scienziati non dobbiamo lasciarci prendere dallo sconforto ma lavorare alle soluzioni: sono sicuro che un giorno riusciremo a tornare ad abbracciarci, a frequentarci”. “Ci sono paesi come Francia e Spagna che sono fuori controllo, ora si può solo mitigare e per farlo – ha ribadito in conclusione – ci vuole un lockdown serio e la chiusura delle scuole”.

Leggi anche –> Coronavirus: identificate 5 varianti in Italia, cosa significa

Leggi anche –> Coronavirus, il Dpcm non servirà a nulla: l’attacco dell’immunologa Viola 

EDS

Coronavirus vaccino ricerca