Covid, tegola per il Milan: Donnarumma e Hauge positivi al tampone

Poco prima del big match di questa sera il Milan è costretto a rinunciare al suo portiere titolare: Donnarumma è positivo al Covid.

(Photo by Claudio Villa/Getty Images)

Continua ad aumentare il bollettino del Covid nella Serie A italiana. Ad inizio campionato il virus ha fermato ai box Zlatan Ibrahimovic, quindi è giunta la positività di ben 14 calciatori del Genoa e quella di Cristiano Ronaldo. Per fortuna per adesso i casi riguardanti i calciatori non hanno portato a conseguenze di salute gravi, ma solo alla dovuta quarantena fino alla negativizzazione.

Leggi anche ->Spadafora | ‘La Serie A potrebbe fermarsi | Ronaldo ha violato le norme’

Con l’aumentare dei casi ed il graduale peggioramento della situazione sanitaria in tutta Italia, non è escluso che la Serie A venga nuovamente stoppata, così come successo lo scorso anno durante la fase acuta della prima ondata. Intanto il Milan, unica squadra insieme alla Roma a non aver giocato il 5° turno di campionato, dovrà fare a meno di uno dei suoi punti di forza.

Leggi anche ->Coronavirus, Perin: “Non sono l’untore della Serie A”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Tegola per il Milan: Donnarumma è positivo al Covid

Questa mattina, infatti, durante la fase di controllo della squadra prevista dalle normative Covid, il Milan ha sottoposto a tampone i suoi calciatori ed il suo staff. Il risultato degli esami ha mostrato che il fortissimo portiere della Nazionale e del Diavolo Gigio Donnarumma è positivo al Covid-19. Oltre al portierone azzurro è risultato positivo la coronavirus anche il giovanissimo attaccante norvegese Jens Petter Hauge, da poco arrivato a Milanello ma già in mostra durante l’ultima tornata di Europa League.

Durante i controlli sono risultati positivi anche tre membri dello staff, mentre il tampone degli altri è risultato negativo. Nel corso della giornata di oggi, in ogni caso, tutti i membri dello staff e i calciatori del Milan verranno sottoposti ad un altro giro di tamponi per escludere che qualcun altro possa essere positivo al virus.