Firenze, 15enne suicida: il gesto eccezionale del sindaco

A 15 anni si è gettata nel vuoto ed è morta suicida dopo aver litigato con la mamma per la scuola: la tragedia ha sconvolto Firenze.

Ha litigato con la mamma, come spesso accadeva, per il suo rendimento scolastico. Dopo la discussione, probabilmente più accesa del solito, è entrata in camera e si è lanciata dalla finestra del terzo piano. Così si è tolta la vita una 15enne di Montespertoli, in provincia di Empoli. Il salto nel vuoto non ha lasciato scampo alla giovanissima che in pochi istanti ha deciso di morire suicida.

Leggi anche –> 12enne perseguitata dai compagni di scuola si suicida: lo straziante addio

Leggi anche –> Madre sadica tortura i figli adottivi: la storia dietro il suicidio di Victoria 

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il gesto suicida dopo una banale lite con la madre

I fatti sono accaduti nel pomeriggio di ieri: sul posto i sanitari del 118 e i Carabinieri della compagnia di Scandicci. Purtroppo per la giovane ogni soccorso è risultato vano. Il corpo della 15enne si trova ora nel reparto di medicina legale dell’ospedale di Careggi a Firenze, a disposizione del pm Giuseppe Ledda che cercherà di chiarire, assieme ai Carabinieri della Compagnia di Scandicci, i contorni della tragica vicenda. I militari erano già intervenuti venerdì pomeriggio a Montespertoli appena venuti a sapere dell’accaduto.

Intanto questa mattina il sindaco di Montespertoli ha proclamato il lutto cittadino. La decisione è stata ufficializzata da Alessio Mugnaini tramite un post su Facebook: “Ieri sera la nostra comunità è stata colpita da una grande tragedia con la perdita di una nostra giovane concittadina, trovare le parole per me è impossibile come è impossibile immaginare il dolore della famiglia. Quello che può fare una comunità è condividerlo e offrire supporto: perché nessuno deve essere lasciato solo in questi momenti. Per questo credo che oggi sia giusto proclamare una giornata di lutto cittadino e fermarsi tutti alle 12 per un minuto di silenzio e riflessione personale”.

EDS