Coronavirus, il pronostico di Luigi Di Maio: “Ecco cosa succederà a Natale”

Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio invita a stringere i denti e rispettare le nuove misure contro l’emergenza Coronavirus con un obiettivo ben preciso: “Stare insieme a Natale”.

“Dobbiamo trovare le giuste misure che permettano a tutti noi di fare il Natale insieme”. E’ quanto ha affermato su Facebook il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, in queste ore decisive sul fronte del contrasto all’emergenza Coronavirus. Il leader pentastellato ha precisato che “abbiamo di fronte l’esigenza di adottare provvedimenti più stringenti per permettere alle nostre famiglie di stare insieme a Natale, ai commercianti e alle imprese di vivere un Natale sereno”. Stringere i denti oggi, insomma, per stare meglio domani.

Leggi anche –> Coronavirus, nuovo DPCM: bar, ristoranti, cinema, teatri e palestre 

Leggi anche –> Coronavirus, sfiorati 20mila contagi: 5mila nella sola Lombardia 

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’emergenza Coronavirus tra realtà e buoni propositi

“Ce la faremo – ha assicurato Luigi Di Maio in diretta Facebook – anche perché nelle prossime ore abbiamo di fronte misure più stringenti, entro fine anno l’arrivo del vaccino, nel 2021 il vaccino per la popolazione, e se possiamo considerare questo miglio impegnativo facciamolo al massimo perché possiamo uscirne come Italia, come Europa e come mondo”.

“Io penso che debba essere chiaro a tutti – ha continuato il ministro degli Esteri – che tutto quello che dobbiamo decidere ora serve a scongiurare una tragedia come quella che abbiamo vissuto a Bergamo qualche mese fa. Tutto quello che ora non è prioritario dobbiamo un attimo metterlo in stand by“.

E ancora: “Il governo sta lavorando senza sosta per tutelare tre cose: prima di tutto la salute dei nostri concittadini, la seconda è proteggere il nostro tessuto economico e la terza sono le famiglia, gli anziani, i più fragili, ma anche i commercianti e le partite iva. La nostra priorità deve essere quella di salvare le vite umane e proteggere il tessuto economico e anche se si adottano delle misure più stringenti dobbiamo lasciare le fabbriche aperte. Abbiamo bisogno di un tessuto economico attivo che non può permettersi un altro lockdown”.

Leggi anche –> Piste di sci piene nonostante il Coronavirus: boom in Valle d’Aosta

Leggi anche –> Coronavirus, allerta Pronto Soccorso: “Situazione drammatica” 

EDS

vaccino Coronavirus