Coronavirus, in Lombardia circola in maniera violenta

Il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, ha lanciato un nuovo allarme per l’aumento dei contagi per Coronavirus 

L’emergenza Coronavirus è tornata a farsi sentire più forte di prima. Al momento è stato escluso un lockdown nazionale, ma ogni presidente della Regione sta sottoscrivendo varie ordinanze per cercare di contrastare l’aumento esponenziale dei contagi per Covid-19. Per ora in Lombardia la situazione non è delle migliori con circa cinquemila positivi registrati nella giornata di ieri.  Lo stesso governatore Attilio Fontana ha svelato a Palazzo Lombardia: “Purtroppo la linea epidemiologica sta salendo”. Si è tornati indietro nel tempo improvvisamente, come sei mesi fa. Prima l’apertura (quasi) totale in estate con numerosi viaggi anche in Europa, poi una nuova possibile restrizione totale. Sbagli ne sono stati fatti già abbastanza, ma ora c’è bisogno di prendere le decisione con fermezza.

Leggi anche->Caos a Napoli, migliaia per strada contro il lockdown imposto da De Luca

Leggi anche->Coprifuoco | ‘Misura necessaria per proteggere Milano Napoli e Roma’

Coronavirus, l’allarme di Fontana in Lombardia

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Lo stesso Fontana ha aggiunto: “Il virus continua a circolare in maniera violenta come attestano i numeri. Aspettiamo per capire se le misure restrittive imposte possano in un certo senso contenere il contagio”. Infine, il governatore della Lombardia ha concluso: “Bisogna guardare i numeri: vanno capiti se i provvedimenti finora presi, vanno bene e poi si faranno altre valutazioni. Tutto può essere: se dovessero aumentare ancora i casi, potrebbero essere presi nuovi provvedimenti”.