Stupra e uccide una bimba di 9 anni, folla infuriata lo giustizia in strada

Un uomo è stato giustiziato da una folla inferocita di 500 persone dopo che ha stuprato ed ucciso una bimba di 9 anni.

Un episodio di violenza e giustizia sommaria emerge dall’Argentina. L’esecuzione di un uomo da parte di una folla inferocita si è verificata nelle scorse ore nella città di El Manantial, ai danni di un uomo sospettato di aver stuprato ed ucciso la piccola Raquel, bimba di soli 9 anni. La piccola era uscita di casa lo scorso sabato per andare a casa di un’amica, ma da quell’appuntamento di gioco non ha mai fatto ritorno.

Leggi anche ->Uccide la figlia | mamma massacra bimba di 3 anni a martellate

Il suo corpo privo di vita e completamente nudo, è stato trovato un paio di giorni dopo in una zona isolata del paesino Villa Munecas, distante un migliaio di chilometri dalla sua casa. La testa della piccola era sommersa di sporcizia ed i suoi vestiti si trovavano poco distanti da lei, per terra. Si pensa che l’aggressore l’abbia stuprata e dopo l’abbia soffocata. Il coroner ritiene che la bimba abbia cercato di sottrarsi al suo aguzzino sino alla fine, provando a liberarsi e scappare mentre questo la strangolava.

Leggi anche ->Bimba invia foto della mamma nuda a tutti i contatti del cellulare

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Stupra e uccide una bimba di 9 anni, ex detenuto viene ucciso da una folla inferocita

Durante le indagini la polizia ha scoperto che la piccola è stata vista per l’ultima volta mentre passeggiava mano nella mano con Josè Guaymas, un ex detenuto uscito di prigione lo scorso mercoledì dopo una condanna per furto. In zona era conosciuto per il suo abuso di droghe e per essere un soggetto pericoloso. Quando la notizia del sospetto della polizia è giunta alle orecchie degli abitanti, una folla di 500 persone si è recata in casa dell’uomo e lo ha trascinato in strada.

Com’è possibile vedere in un video pubblicato sui social, la folla inferocita lo ha denudato, gettato a terra, spogliato e cominciato a picchiare. Quando la polizia è giunta sul luogo dell’esecuzione sommaria, c’era chi cercava di bruciarlo vivo e chi lo colpiva con dei machete. Gli agenti sono riusciti a disperdere la folla e farli allontanare dal sospettato, ma quando lo hanno portato via era già troppo tardi.