Caos a Napoli, migliaia per strada contro il lockdown imposto da De Luca

Caos a Napoli, migliaia per strada contro il lockdown imposto da De Luca. La situazione è quasi fuori controllo. 

De Luca

I cittadini napoletani non hanno preso affatto bene la decisione del governatore De Luca di imporre il lockdwon a tutta la Regione e sono scesi in piazze per dimostrare tutta la loro rabbia.


Oggi De Luca aveva comunicato la sua decisione chiedendo inoltre al Governo Conte di imporre un lockdown anche a livello nazionale.

Leggi anche –> Nuovo lockdown | Il governatore della Campania chiede al Governo una chiusura totale

Leggi anche –> De Luca, mostra la Tac di un paziente Covid: “Senza rianimazione morirà a 37 anni”

Nuovo lockdown, De Luca: “La Campania seguirà questa direzione molto presto”

A detta del governatore, l’unica maniera per rallentare la circolazione del Covid-19 resta proprio procedere nella maniera più dolorosa. Ovvero con la chiusura totale di tutte le attività non necessarie e con la limitazione alla circolazione dei cittadini. Bisogna chiudere tutto quanto, tranne le attività di beni essenziali come alimentari, trasporti e precisi comparti dell’industria. Così come si rende obbligatorio fermare gli spostamenti sia all’interno delle regioni che in tutto il territorio italiano. “Misure limitate non serviranno a niente”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

Successivamente, in diretta su Facebook, il governatore campano ha annunciato: “Procederemo nella direzione della chiusura di tutto, per i dati dei contagi che abbiamo non basta l’ordinanza che entra in vigore oggi. Dobbiamo chiudere tutto e dobbiamo decidere oggi, non domani. Siamo ad un passo dalla tragedia”. Quindi ha specificato meglio: “Oggi dobbiamo fare l’ultimo tentativo per bloccare l’esplosione del contagio. Dobbiamo chiudere tutto per un mese, per 40 giorni per frenare l’esplosione del contagio. Poi si vedrà”.