Coronavirus Italia | scuola a rischio ma si farà di tutto per non chiudere

Sempre più difficile la situazione Coronavirus Italia. In questo scenario la scuola rischia ma ci saranno sforzi importanti per non chiudere.

Coronavirus Italia scuola
Emergenza Coronavirus Italia scuola a rischio Foto dal web

La situazione Coronavirus Italia è estremamente compromessa e molte regioni hanno attuato un coprifuoco che suona tanto come anticamera per un lockdown totale. Si tratta in ogni caso di misure straordinarie e che possono risultare efficaci come niente altro, nel tentativo di rallentare la circolazione del Covid-19.

LEGGI ANCHE –> Nuovo lockdown | De Luca chiede al Governo una chiusura totale

Il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, ha inoltrato al governo Conte proprio un invito a procedere con un blocco totale delle attività e della libera circolazione dei cittadini. Come già capitato in primavera, rimarrebbero aperte solamente le attività che garantiscono beni indispensabili. E questo avverrà proprio in Sardegna per i prossimi 15 giorni. Per quanto riguarda la scuola, il sottosegretario alla Salute, Sandra Zampa, intervistata da InBlu Radio ha detto che tornare ad una chiusura totale è impossibile. “Dobbiamo convivere con il virus per molti mesi ancora. Servono strategie nuove perché la situazione non è uguale a quanto successo a marzo”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Germania: quarantena o tampone per chi arriva da 13 regioni italiane

Coronavirus Italia, la scuola è a serio rischio

I tamponi sono aumentati da allora, così come c’è una preparazione maggiore ora nell’affrontare questo enorme problema. I tamponi poi verranno svolti anche nelle farmacie. Per la scuola, il sottosegretario si dice fiducioso riguardo al fatto che rimarrà aperta. Nel primo mese dalla riapertura ci sono state delle difficoltà. In Campania De Luca ha preferito tenere chiusi gli istituti scolastici alla luce dei tanti contagi avvenuti fuori. E questo è stato un tentativo di preservare i giovani. Mentre da più parti ripartirà a breve la didattica a distanza. Fatto sta che la situazione Coronavirus Italia è già entrata in una fase molto critica e bisogna prepararsi anche a scenari drammatici.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, Ranieri Guerra: “lockdown è da evitare, causerebbe rivolte armate”