L’appello di 100 scienziati a Mattarella: “Misure drastiche entro 3 giorni”

L’appello di 100 scienziati a Mattarella: “Misure drastiche entro 3 giorni”. E’ quanto riportato dall’AdnKronos poco fa. Il messaggio è rivolto anche al Presidente del Consiglio Conte. 

Coronavirus Italia terapie intensive

Cento eminenti scienziati italiani chiedono misure drastiche immediate per contenere il dilagare della seconda ondata di pandemia da Coronavirus. Tutti si accodano al messaggio del presidente dei Lincei, Giorgio Parisi “di assumere provvedimenti stringenti e drastici nei prossimi due o tre giorni” al fine di “evitare che i numeri del contagio in Italia arrivino inevitabilmente, in assenza di misure correttive efficaci, nelle prossime tre settimane, a produrre alcune centinaia di decessi al giorno”.

Leggi anche –> Coronavirus, Ranieri Guerra: “Lockdown è da evitare, causerebbe rivolte armate”

In particolare si fa riferimento ad un numero che spaventa: a metà novembre secondo questi studiosi ci potrebbero essere 500 morti al giorno.

Il messaggio rivolto al Presidente della Repubblica e al Governo: l’appello

Nel messaggio si legge: “Come scienziati, ricercatori, professori universitari – si legge nel testo che AdnKronos ha potuto visionare – riteniamo doveroso ed urgente esprimere la nostra più viva preoccupazione in merito alla fase attuale di diffusione della pandemia da Covid-19”.

Gli studiosi tra i quali compaiono anche il Rettore della Normale di Pisa, Luigi Ambrosio e Fernando Ferroni, ex presidente Istituto Nazionale Fisica Nucleare, proseguono: “La salvaguardia dei posti di lavoro, delle attività imprenditoriali e industriali, esercizi commerciali, e le altre attività verrebbero del resto ad essere anch’esse inevitabilmente pregiudicate all’esito di un dilagare fuori controllo della pandemia che si protraesse per molti mesi. Prendere misure efficaci adesso serve proprio per salvare l’economia e i posti di lavoro. Più tempo si aspetta, più le misure che si prenderanno dovranno essere più dure, durare più a lungo, producendo quindi un impatto economico maggiore”.