X-Factor, NAIP: chi è il bolognese protagonista del talent

Entra nella fase finale la nuova edizione di X-Factor: scopriamo NAIP, chi è il bolognese protagonista del talent show.

(Instagram)

Ha lasciato a bocca aperta con la sua Attenti al loop, con la quale si è presentato alle audizioni: lui è NAIP, acronimo di Nessun Artista In Particolare, e all’anagrafe si chiama Michelangelo Mercuri, ha 29 anni e viene da Bologna. Diversamente da alcuni dei protagonisti del talent show, ancora “giovani e impacciati”, ha grande dimestichezza col palco.

Leggi anche: X-Factor, Daria Huber: chi è la giovane protagonista del talent

Infatti, giocando con la voce e con la loop station, ha creato un’atmosfera da live, ricordando a tratti le performance di artisti quotati come il primissimo Iosonouncane. Un performer e un artista a tutto tondo, dunque, NAIP la cui collocazione all’interno di un talent show lo fa sembrare un po’ un pesce fuor d’acqua.

Leggi anche: X Factor, terminati i Bootcamp: ecco le categorie e i cantanti

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Cosa sapere su Michelangelo Mercuri in arte NAIP

Nelle sue performance live, Michelangelo Mercuri, per tutti NAIP, ovvero Nessun Artista In Particolare, si avvale di batteria elettronica, synth, loop station, chitarra e voce. Il suo primo album “N.A.I.P.” (nessun album in particolare) è uscito l’8 Marzo 2019 per Mamma Dischi. Successivamente, l’artista si è messo in viaggio per promuoverlo con una serie di live, per poi arrivare appunto a quella che è la scommessa di X-Factor.

Circa 8mila follower sul suo profilo Instagram, l’artista bolognese – ex componente dei Dissidio – si presenta così in un’intervista a un portale online dedicato al mondo dell’indie: “Non sono mai stato bravo nel classificare per generi gli artisti che mi sono trovato ad ascoltare. Certo siamo in un epoca dove tutto viene miscelato. Quindi c’è mix nel jazz, nel rock, nel pop, nel blues, magari in un unico brano. E questo non rende particolarmente sorpresi gli ascoltatori”.