Fondi, dodicenne stuprata da tre uomini durante il lockdown: arrestati

La Procura di Fondi ha dato mandato di arresto per tre uomini accusati di violenze sessuali reiterate ai danni di una minore.

Continuano ad uscire fuori storie dell’orrore dalle case italiane riguardanti il periodo del lockdown. L’ultima in ordine di tempo è emersa da Fondi (Latina), dove tre uomini di nazionalità indiana e richiedenti visto di permanenza sono indagati per stupro reiterato ai danni di una dodicenne. Secondo quanto emerso dai media locali i tre uomini erano ospiti di una famiglia indiana durante il periodo del lockdown. In casa c’erano quasi sempre solo una donna e la figlia dodicenne. Il padre, infatti, per ragioni lavorative era spesso fuori dall’abitazione.

Leggi anche ->Orbassano | 17enne tenta stupro e strangolamento a 50enne

I dettagli della violenza non sono stati resi noti, ma pare che gli uomini avessero uno stratagemma per abusare a turni della ragazzina. Le violenze sono andate avanti a lungo, poiché con loro in casa, la giovane vittima non aveva modo di denunciarle ai genitori. Questi, infatti, l’avevano minacciata di morte qualora avesse parlato di quanto successo con i genitori.

Leggi anche ->Dodicenne riesce a scappare prima che la madre spari alla sorella e si uccida

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Dodicenne stuprata durante il lockdown: arrestati i tre sospetti violentatori

Gli uomini sono stati cacciati dalla casa verso luglio, per conflitti insorti tra i tre ospiti ed il padrone di casa. Non è chiaro se all’epoca ci fossero sospetti delle violenze perpetrate ai danni della dodicenne. Con gli uomini lontani dalla casa, la ragazzina indiana ha confessato ai genitori quanto subito per lungo tempo e loro hanno immediatamente sporto denuncia alla Polizia. La ragazzina ha raccontato nei dettagli, in un ambiente sicuro e con degli psicologi a supporto, le violenze subite dai tre uomini.

Dopo gli accertamenti fisici di rito, la Procura di Fondi ha dato mandato di arresto per i tre accusati. Due di loro sono stati posti in stato di fermo proprio nel Comune laziale, mentre un terzo è stato arrestato a Pordenone, dove si era recato dopo essere stato cacciato dalla famiglia che lo ospitava.

nonno stupra nipotina