Coronavirus Italia | cosa fare se c’è un positivo in condominio

In che modo bisogna comportarsi se veniamo a conoscenza della presenza di un positivo al Covid-19 per la situazione Coronavirus Italia.

Coronavirus Italia positivi condominio
Situazione Coronavirus Italia positivi condominio Foto dal web

In tempi estremamente complicati come quelli in corso, la situazione Coronavirus Italia può porci davanti a delle situazione altrettanto difficili. Possiamo ritrovarci infatti ad avere a che fare con una o più persone contagiate dal Covid-19.

LEGGI ANCHE –> Lockdown Sardegna | ordinanza di chiusura totale per 15 giorni

Come bisogna comportarsi in questi casi? In particolar modo se abitiamo in un condominio e veniamo a sapere che qualcun altro che occupa uno degli appartamenti è contagiato dal virus. La cosa non va sottovalutata in quanto una palazzina presenta alcuni spazi condivisi da più esponenti dei diversi nuclei familiari che vi abitano. A cominciare dal portone di ingresso, fino anche ai corrimano delle scale ed ai pulsanti dell’ascensore, tanto per fare degli esempi. Tutte parti che possono ospitare sulle loro superfici, per diverse ore, il virus che veicola la malattia. E che soggetti magari asintomatici e non consapevoli di essere contagiosi possono avere toccato. Se poco dopo noi facciamo lo stesso, il rischio è quello di infettarci a nostra volta. Come prima cosa è bene ricordare che chi risulta positivo non è tenuto ad informare l’amministratore del condominio.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Coronavirus Italia | Conte | ‘Scuola priorità | no aumento tasse’ VIDEO

Coronavirus Italia, cosa fare se c’è un positivo nel nostro condominio

A dovere essere obbligatoriamente messe al corrente della cosa sono invece le autorità sanitarie, come la ASL locale. Questo porterà il soggetto in questione a dovere osservare un isolamento domiciliare, durante il quale tale persona dovrà evitare qualsiasi altro contatto umano fisico. Non potrà neppure uscire nell’androne delle scale e dovrà restare chiuso in casa. Potrà poi mettere al corrente l’amministratore od altri vicini di casa, se lo desidera. Ma qui vige la tutela alla riservatezza. La persona positiva può anche scegliere di non informare nessuno, purché osservi in maniera ferrea l’isolamento in casa. Qualora la notizia dovesse trapelate, l’amministratore può procedere alla sanificazione degli ambienti per ridurre qualsiasi eventuale rischio. Le spese sono a carico di tutti i condomini ed in questo senso si può procedere anche dopo avere deliberato con una apposita riunione, condotta rispettando il distanziamento sociale ed indossando in maniera corretta le mascherine.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus Italia | La Vecchia | ‘Tanti sintomatici con elevata carica virale’