Neonata abbandonata in ospedale a Palermo: positiva al Coronavirus

Il dramma della neonata abbandonata dalla madre in ospedale a Palermo: la piccola è positiva al Coronavirus ma sta bene.

(MOHAMMED HUWAIS/AFP via Getty Images)

Abbandonata dalla madre all’ospedale di Palermo subito dopo l’esito del tampone, risultato positivo al Coronavirus: una vicenda disarmante quella che viene denunciata in queste ore e che riguarda una neonata. La mamma della piccola si era recata al pronto soccorso per fare il tampone.

Leggi anche: Neonato abbandonato a Verona: chi sono i genitori del piccolo

Risultata poi la bambina positiva al Coronavirus, la donna – presumibilmente in preda al panico – si sarebbe allontanata dall’ospedale. Ora sono in corso gli accertamenti per rintracciare la mamma della neonata e per capire cosa l’abbia spinta a un gesto così eclatante. I fatti risalgono ad alcuni giorni fa.

Leggi anche: Verona, neonato di quattro mesi abbandonato in strada: il dramma

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Neonata positiva al Coronavirus abbandonata a Palermo: si cerca la mamma

Lo ha denunciato la dottoressa Marilù Furnari, della direzione sanitaria del Di Cristina: “Il personale medico ha tentato per giorni di contattare la madre, ma non siamo riusciti a raggiungerla. A quel punto abbiamo avvisato le forze dell’ordine del possibile abbandono della piccola”. L’appello da parte dell’ospedale è alla donna, perché si faccia viva, intanto sono partite le indagini, affidate alla Polizia che sta visionando le immagini dell’entrata del Pronto soccorso.

Acquisita anche la documentazione del triage e sono stati sentiti medici e infermieri. Della donna però non vi è ancora alcuna traccia. Intanto, dall’ospedale assicurano che la piccola – il 26esimo bimbo ricoverato per Covid-19 nel reparto di malattie infettive guidato dal dottor Salvatore Giordano, il 17esimo nell’ultimo mese – sta bene, come comunque quasi tutti i piccoli ricoverati. “Solo quattro hanno qualche complicazione”, sostiene la Furnari.