Neonato abbandonato a Verona: chi sono i genitori del piccolo

La drammatica vicenda del neonato abbandonato a Verona: chi sono i genitori del piccolo, rintracciati grazie a una segnalazione.

Una vicenda che ha fatto molto discutere quella del neonato abbandonato nei giorni scorsi a Verona e che ha fatto il giro del Paese. All’angolo fra via Tevere e via Chiosa, nel quartiere di Golosine, poco dopo la mezzanotte, gli operatori sanitari del 118 lo hanno rinvenuto. Ora anche i genitori del piccolo hanno un nome e un cognome.

Leggi anche: Verona, neonato di quattro mesi abbandonato in strada: il dramma

Dietro quanto accaduto, infatti, c’è una storia difficile, quella di una famiglia con una serie di problemi di natura economica. Una storia che il padre del piccolo, un 30enne di origine romena, ha deciso di raccontare in televisione, nella puntata del 20 ottobre della trasmissione Pomeriggio 5.

Leggi anche: Neonato morto | la tragedia in ospedale 24 ore dopo la nascita

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Verona, neonato abbandonato: emerge una storia di grave disagio

La mamma, 34 anni, e il padre, 30, sono stati individuati grazie a una segnalazione giunta subito dopo che il piccolo era stato rintracciato. A farla è stata la donna che ospitava la coppia. Dunque, siamo di fronte a una storia davvero terribile, che è legata a un grave disagio familiare. Economici i motivi che hanno spinto questo papà e questa mamma a lasciare il piccolo abbandonato e grande la gara di solidarietà che si è messa in moto anche grazie all’interessamento mediatico a questa vicenda.

L’assessore ai Servizi sociali, Daniela Maellare, ha applaudito al cuore generoso dei veronesi in questa situazione drammatica, spiegando: “Sono importanti le buone notizie sulla salute del bambino, ma è altrettanto commovente il grande cuore dei veronesi che, come tutti noi, scossi da questo episodio ci stanno scrivendo e telefonando disposti ad accogliere il piccolo”. Non è chiaro ancora se verrà avviato il percorso di adozione o se il neonato – ribattezzato Zeno – andrà in affido ai servizi sociali.